MediterraneiNews.it

Dieta Mediterranea: stile ideale del donatore di sangue

convegno-avis“Lo stile di vita della Dieta Mediterranea del comune tirrenico è lo stile ideale del donatore di sangue”. Queste le conclusioni a cui è giunto il convegno “Epigenetica e stili di vita” promosso, presso la sala “Giovanni XXIII” della Cattedrale, dall’Associazione volontari italiani sangue, sezione di Nicotera. All’incontro, aperto dai saluti del presidente Concetta Palmitesta, sono intervenuti Antonio Milici, neurologo, psichiatra e dirigente medico dell’Asp di Messina, Antonio Leonardo Montuoro, presidente dell’Accademia internazionale della Dieta Mediterranea di riferimento e Rita La Rosa, coordinatrice della consulta provinciale dell’Avis giovani di Vibo Valentia. In particolare, Milici si è soffermato sul concetto dell’epigenetica evidenziando le caratteristiche delle mutazioni genetiche e della trasmissione dei caratteri ereditari, sulle proprietà terapeutiche o preventive di alcuni alimenti e sulla nutrigenomica, la branca della medicina che studia i rapporti tra alimentazione, malattie e corredo genetico allo scopo di elaborare diete personalizzate. Montuoro, invece, ha evidenziato gli effetti benefici di questo stile di vita ripercorrendo le tappe storiche e scientifiche che hanno portato Nicotera  ad essere la patria della Dieta Mediterranea. Ha, quindi, disquisito su Ancel Keys e sui “Seven country studies”, gli studi pilota condotti nella cittadina vibonese conclusi con la creazione dell’indice di adeguatezza mediterraneo (Iam), un indice che caratterizza a livello internazionale la Dieta Mediterranea di Nicotera e a cui fanno riferimento tutti gli scienziati quando parlano di nutrizione e dieta. Chi si nutre dei prodotti della famosa Dieta mediterranea, quindi, secondo gli studiosi intervenuti, ha il vantaggio di assumere molteplici liquidi, proprio quello che l’Avis richiede ai suoi donatori prima di effettuare un prelievo.

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Il Pecorino del Poro verso il riconoscimento del marchio DOP dopo l’audizione pubblica tenutasi alla presenza dei funzionari del Ministero delle Politiche agricole.

“Si è svolta ieri a Rombiolo la pubblica audizione per presentare il disciplinare di produzione del prodotto d’eccellenza del territorio vibonese ai soggetti interessati e per consentire agli incaricati ministeriali di verificare la conformità delle materie prime e dei metodi di produzione ai rigorosi criteri fissati dal documento. Il “pecorino”…

Leggi tutto »

Tornare indietro. Il commercio della bellezza

Da Pupari & Pupi di Pino Macino. Mettiamola così: sono cinquant’anni che contadini, agronomi, biologi si affannano a “creare” nuovi pomodori. In generale ci sono riusciti …soprattutto per quanto riguarda le dimensioni e la gradevolezza delle forme. E’ il commercio, bellezza! Ma tira che tira ci si è accorti che…

Leggi tutto »