MediterraneiNews.it

Gli 80 anni dell’antropologo Luigi M. Lombardi Satriani

Luigi M. Lombardi Satriani, figura di assoluto rilievo nel panorama delle Scienze antropologiche, compie ottant’anni. Nato in Calabria a San Costantino di Briatico (VV) nel 1936, da cinquant’anni risiede a Roma, dove ha insegnato discipline antropologiche all’Università La Sapienza e oggi ne è professore emerito. Ha basato la ricerca, d’ispirazione gramsciana, d’ispirazione gramsciana, sullo studio del folklore, della religiosità popolare e della cultura contadina. Preside e docente della facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università della Calabria. Ha insegnato presso gli atenei di Messina, Napoli, Austin (Texas), San Paolo (Brasile). È stato Senatore della Repubblica (1996/2001) e ha preso parte alla Commissione Cultura Senato e alla Commissione Bicamerale contro l’organizzazione mafiosa e altre realtà criminali. È presidente onorario dell’Associazione Italiana per le Scienze Etno-antropologiche. Dirige «Voci. Semestrale di Scienze Umane». È un intellettuale che influenza il dibattito accademico italiano e internazionale con le proprie tesi. Il 2016 è stato un anno proficuo di riconoscimenti tra i quali la laurea honoris causa in Filologia moderna conferita dall’Università della Calabria e il premio «Giuseppe Cocchiara» ricevuto all’Università di Messina.

In occasione della ricorrenza di questo studioso che è anche un amico di Nicotera – proprio quest’estate lo stesso non ha difatti mancato di dare il suo prezioso apporto ad un convegno sulla Dieta mediterranea organizzato dall’Accademia internazionale della Dieta mediterranea stessa in cooperazione con il Club Unesco di Vibo, mentre in passato è stato molte volte gradito ospito e conferenziere di incontri culturali tenutisi in città – proponiamo quindi ai nostri lettori un intervista apparsa in data odierna sul quotidiano “Il Manifesto”.

Cosa rappresentano per Lei questi ultimi riconoscimenti?

Sono per me fonte di profonda soddisfazione, di orgoglio, di rivisitazione critica del mio passato. Ricercare, leggere, studiare, sono stati delle costanti della mia vita al punto tale che, ancora adesso, se chiudo una giornata senza aver dedicato del tempo a queste attività mi sembra che l’intera giornata sia stata del tutto sprecata. Mi rendo conto che non è questa la temperie culturale dominante, e quindi può sorgere il sospetto di essere stato io a sprecare la vita. Questi riconoscimenti invece mi inducono a pensare che questo sospetto sia infondato, perché le cose che ho detto, ho insegnato, ho scritto hanno comunque prodotto qualcosa.

De Martino ha rinnovato la ricerca antropologica. C’è ancora bisogno di tali figure?

Sicuramente ce n’è ancora bisogno. Ernesto de Martino infatti, come lei stesso ricorda nella domanda, è stato un innovatore della ricerca antropologica, sia per la connessione che pone tra dato culturale e condizione economico-sociale, sia per la pratica di una ricerca interdisciplinare (anche se, in fondo, egli poneva il suo approccio come egemonico, rendendo di fatto gli altri complementari e subalterni). Non mi sembra però che dobbiamo pensare a de Martino facendone una sorta di «santino» cui tributare un doveroso e distratto culto. A mio avviso l’antropologo oggi deve accettare la sfida della contemporaneità. Confrontarsi cioè con i fenomeni che la vita quotidiana ci pone dinanzi con drammatica evidenza: penso, anzitutto, all’immigrazione di massa che vede fuggiaschi dall’Africa, che cercano nella nostra società riparo dalle violenze della guerra e delle persecuzioni, trovando molto spesso la fine nelle acque del Mediterraneo, gigantesco cimitero nel quale giacciono sommerse ecine di migliaia di speranze e di sogni irrealizzati. Oggi l’Altro è qui dinanzi a noi (noi siamo l’Altro) e l’altrove non è in un Paese da visitare, ma a noi sempre più prossimo. È necessario, pertanto una revisione radicale dei nostri strumenti metodologici e del nostro quadro epistemologico.

Il tema della morte, affrontato nel saggio «Il ponte di San Giacomo» e scritto con Mariano Meligrana, costituisce un topos di differenziazione culturale tra mondo rurale e mondo industriale. Questi due universi, come hanno reagito e come reagiscono oggi di fronte al concetto e all’immagine della morte? Perché in una società ipertecnologica la cultura della morte è rimossa?

La società attuale, con la sua ricerca ossessiva delle apparenze, il suo edonismo di massa, si sviluppa tendenzialmente più nel segno della rimozione dell’immagine della morte, organizzando, si potrebbe dire, una gigantesca estroversione collettiva. Anche se non si possono tacere tratti significativi che mostrano come anche nelle grandi città, e soprattutto tra le più giovani generazioni, sono presenti processi di oltrepassamento della morte attraverso il ricordo e la riaffermazione delle ragioni della vita. In linea generale però il mondo tradizionale che Mariano Meligrana e io abbiamo indagato per decenni, il sui esito critico si è concretato prevalentemente nel nostro «Il ponte di San Giacomo». Esso testimonia l’articolata strategia che questo mondo ha posto in essere, per non farsi sopraffare dall’evento luttuoso della scomparsa della persona cara, e per alimentare una religione del ricordo che restituisca titolarità del discorso a questa persona rendendo possibile ancora il colloquio. Teniamo infine presente che, come ha sottolineato Mariano Meligrana, «arcaico» non significa inesistente ma che è il fondo della storia, la realtà vitale che si ramifica in innumeri forme.

Qual è il tuo modus operandi per entrare in contatto con le persone e gli informatori? Parlo in particolare dello studio scientifico-antropologico su Natuzza Evolo di Paravati, la più conosciuta mistica stigmatizzata italiana del Novecento.

Assumendo le persone come soggetti con cui instaurare un rapporto radicalmente paritetico ed empatico, pur nella consapevolezza della diversità di ruolo e di funzioni. Per gli informatori non ritenendoli in maniera predatoria fornitore di «dati» anche perché credo che dovremmo incominciare a chiamare questi elementi relativi al nostro campo di indagine non «dati» ma «presi». Anche con Natuzza Evolo ho cercato, nel lavoro condotto con Maricla Boggio (filmato televisivo e successivo volume) di attenermi a questo principio e ricordo on gratitudine le parole da lei rivoltemi intrise di modestia e sollecitudine.

Il culto e la sacralità nel Meridione sono stati spesso oggetto delle tue ricerche sul campo. Nella società contemporanea è mutato il rapporto col sacro?

Questo rapporto è sicuramente mutato ma, a mio avviso, mutati sono i tratti con cui si presenta, non la radicale esigenza di sacro. Troppo spesso abbiamo parlato di «eclissi» del sacro, salvo poi a farci sorprendere da clamorosi «ritorni». Tanto più questo rapporto è presente dato lo straordinario successo anche nell’ambiente laico e di non credenti della figura e delle prese di posizione di papa Francesco.

Partendo da un punto di vista “gramsciano” Lei ha maturato a metà degli anni Sessanta l’idea di intendere il folklore come cultura di contestazione, tant’è che il tuo primo saggio è «Il folklore come cultura di contestazione», pubblicato nel 1966. Quali sono i passaggi essenziali di tale concezione?

In tali scritti parto dalle Osservazioni di Gramsci per svilupparle individuando diversi livelli contestativi, a seconda che inducano alla ribellione o all’accettazione dello status quo. Ho parlato poi di un livello di mera contestazione implicita o per posizione, e di un’ulteriore livello di accettazione della cultura egemone. Questo orientamento teoricometodologico è stato spesso banalizzato e appiattito nella generica formula contestativa.

In un passaggio della Lectio per il Premio «Giuseppe Cocchiara» citi Pasolini. Secondo lei, il genocidio culturale e l’omologazione, ovvero le feroci critiche al sistema consumista e al totalitarismo massmediatico che in tempi non sospetti Pasolini scriveva e argomentava, si sono sviluppati in tutta la loro brutalità?

Indubbiamente tale sviluppo degenerativo si è realizzato e lo constatiamo quotidianamente nel bla bla mass mediatico contemporaneo. Pasolini, di cui ricordo de visu alcuni suoi illuminanti interventi, con il suo culto della memoria e il suo atteggiamento radicalmente ereticale, è stato contemporaneamente lucido profeta e narratore dell’avvento di un mondo brutale che aveva fatto sparire le lucciole in nome di una volgarità e di una bruttezza sempre più imperanti. La sua vita e la sua morte testimoniano tutto ciò.

 

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Halloween, culto della zucca di Nicotera, esportata negli USA ed oggi universalmente commercializzata.

Dire che la festa della zucca sia una tradizione di Nicotera e che, tramite gli immigrati nicoteresi negli Stati Uniti e a New York in particolare,  sia stata poi esportata, non lo diciamo solo noi di MediterraneiNews, ma già il 2 novembre 2004 il quotidiano “la Repubblica” scriveva un pezzo a…

Leggi tutto »

Viaggio nei ricordi/1 – i pomeriggi nella Nicotera della mia adolescenza.

Un mio amico che in uno dei suoi tanti scritti ha stigmatizzato con arguzia le abitudini pantofolaie dei nicoteresi, sarebbe rimasto piacevolmente sorpreso della colorata e gioiosa frenesia con cui i giovani della mia generazione affrontavano i loro pomeriggi. Il pranzo era appena terminato che subito ci si aggrappava alla…

Leggi tutto »