MediterraneiNews.it

Accordo tra Italia e Libia. Al centro anche la questione migranti.

Il nuovo ministro dell’Interno Marco Minniti, è volato a Tripoli per concordare un nuovo accordo che dovrebbe segnare una svolta nelle relazioni italo-libiche. Il succo di questo accordo, prevede aiuti da parte del governo di Roma – non solo soldi ma anche mezzi e momenti di formazione per le inesperte forze di sicurezza libiche – mentre Tripoli si impegna a contrastare con più efficacia tutti i traffici illeciti che negli ultimi anni hanno avuto qui una forte espansione.

L’accordo Minniti- al-Serraj (permier libico) è sponsorizzato dalle Nazioni Unite ed è stato accompagnato dalla riapertura della nostra ambasciata a Tripoli, sede diplomatica affidata alle cure dell’ambasciatore Giuseppe Perrone, uno dei migliori conoscitori della regione. L’accordo punta innazitutto alla stabilizzazione della Libia e al pieno sostegno al nuovo corso intrapreso dal nuovo governo di Tripoli nella consapevolezza che tale processo può addivenire a compimento solo favorendo la crescita economica e sociale dell’area.

Ma l’accordo punta anche al contrasto alla lotta all’immigrazione clandestina sopratutto dichiarando guerra agli scafisti.  Una cosa fattibile se pensiamo a quello che fecero anni fa i nostri bravissimi 007 in Albania. Ma i problemi non vengono solo dal mare. Il confine sud della Libia, quello con il Ciad e l’Algeria, continua ad essere permeabile anche ad infiltrazioni jihadisti e Roma, promette aiuti anche su questo fronte.

 

 

 

 

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Elezioni locali in Gran Bretagna. Di nuovo un pareggio tra tories e laburisti. Bene i Liberali, crolla l’Ukip.

Di fronte ad un governo che perde pezzi in continuazione – quello conservatore di Teresa may – ci si sarebbe forse aspetttato una netta vittoria dei laburisti, alle elezioni locali tenutesi ieri in Inghilterra e che hanno interessato 150 realtà locali, tra cui città importanti come Birminghan. Un voto quello…

Leggi tutto »

India: storica sentenza della Corte suprema su religione ed elezioni.

“Nel segreto dell’urna, Dio ti vede Stalin no”. Era questo uno slogan che andava per la maggiore nell’italietta degli anni cinquanta, quella della contrapposizione tra democristiano e comunisti con il quale si tentava di fare pressioni sui credenti affinché dessero il loro voto ai partiti di tradizione cattolica a scapito…

Leggi tutto »