MediterraneiNews.it

Accordo tra Italia e Libia. Al centro anche la questione migranti.

Il nuovo ministro dell’Interno Marco Minniti, è volato a Tripoli per concordare un nuovo accordo che dovrebbe segnare una svolta nelle relazioni italo-libiche. Il succo di questo accordo, prevede aiuti da parte del governo di Roma – non solo soldi ma anche mezzi e momenti di formazione per le inesperte forze di sicurezza libiche – mentre Tripoli si impegna a contrastare con più efficacia tutti i traffici illeciti che negli ultimi anni hanno avuto qui una forte espansione.

L’accordo Minniti- al-Serraj (permier libico) è sponsorizzato dalle Nazioni Unite ed è stato accompagnato dalla riapertura della nostra ambasciata a Tripoli, sede diplomatica affidata alle cure dell’ambasciatore Giuseppe Perrone, uno dei migliori conoscitori della regione. L’accordo punta innazitutto alla stabilizzazione della Libia e al pieno sostegno al nuovo corso intrapreso dal nuovo governo di Tripoli nella consapevolezza che tale processo può addivenire a compimento solo favorendo la crescita economica e sociale dell’area.

Ma l’accordo punta anche al contrasto alla lotta all’immigrazione clandestina sopratutto dichiarando guerra agli scafisti.  Una cosa fattibile se pensiamo a quello che fecero anni fa i nostri bravissimi 007 in Albania. Ma i problemi non vengono solo dal mare. Il confine sud della Libia, quello con il Ciad e l’Algeria, continua ad essere permeabile anche ad infiltrazioni jihadisti e Roma, promette aiuti anche su questo fronte.

 

 

 

 

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Presidenziali in Cile: ballottaggio a dicembre ma è avanti il centro-destra.

Saranno Sebastián Piñera Echenique della coalizione quadripartita di centro destra “Chile Vamos” e Alejandro Guillier Álvarez della coalizione della sinistra riformista “La Fuerza de la Mayoría” (che raggruppa il Partito Socialista, il Partito democratico, e altre formazioni) a contendersi la carica di Presidente del Cile lo stato sudamericano i cui cittadini, domenica…

Leggi tutto »

Giappone: la “morte da lavoro” provoca l’intervento del governo.

Mentre noi siamo alle prese con la disoccupazione, nel paese del Sol Levante si muore per troppo lavoro e così il governo decide di reagire con interventi legislativi ad hoc. A sfibrare i lavoratori nipponici – rivela una inchiesta pubblicata oggi sul Corriere della sera a firma di Guido Santevecchi e…

Leggi tutto »