MediterraneiNews.it

E’ Antonio Tajani il primo italiano alla guida del Parlamento Europeo.

E’ Antonio Tajani – del gruppo del Partito Popolare Europeo (in quota Forza Italia) il nuovo presidente del Parlamento Europeo, primo italiano a ricoprire questa carica. Tajani è stato eletto con 351 voti superando un altro italiano, il socialista Gianni Pittella. Decisivo è stato l’appoggio dei liberali del gruppo ALDE.

Antonio Tajani – sposato con due figli – ha frequentato il Liceo Torquato Tasso e si è laureato in giurisprudenza all’Università la Sapienza di Roma. E’ stato ufficiale dell’Aeronautica Militare Italiana. Dopo aver frequentato il corso di alta specializzazione della difesa aerea a Borgo Piave di Latina, è stato controllore della difesa aerea presso la base radar di San Giovanni Teatino. Poi il salto verso la professione giornalistica che lo ha visto redattore de Il Settimanale; conduttore in Rai del Gr1; responsabile della redazione romana de Il Giornale e inviato speciale in Libano, Unione Sovietica e Somalia.

In gioventù Tajani è stato militante del Fronte Monarchico Giovanile, È stato uno dei fondatori di Forza Italia nel 1994, quindi coordinatore regionale del partito nel Lazio dal 1994 al 2005. Nel governo Berlusconi I (1994-95) è stato portavoce del presidente del Consiglio. Dal 2002 (congresso di Estoril) Tajani è uno dei 10 vicepresidenti del Partito Popolare Europeo. È stato riconfermato al congresso di Roma nel 2006 e poi ancora al congresso di Bonn nel 2009 e a quello di Bucarest nel 2012Nel 1994 viene eletto parlamentare europeo, poi confermato nel 1999, 2004 e 2009.

Dal maggio 2008, è subentrato a Franco Frattini alla Commissione Barroso I, di cui è stato uno dei 5 vicepresidenti, assumendo il ruolo di Commissario europeo per i trasporti. Nel 2010 è stato riconfermato come membro di nazionalità italiana della Commissione Barroso II ottenendo l’incarico di commissario europeo per l’industria e l’imprenditoria e rimanendo uno dei 4 vice-presidenti della Commissione.

Durante il suo mandato, è stato creato il programma Erasmus per giovani imprenditori. La nuova Direttiva 2011/7/UE, che ha come scopo combattere i ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali, è stata invece adottata nel 2011. Suo anche il progetto “50.000 turisti”, lanciato il 1º giugno 2011, è volto a favorire il turismo di bassa stagione tra l’America Latina e l’Europa, servendosi di una solida cooperazione tra i governi europei, l’industria turistica e le compagnie aeree. A sostegno della lotta europea contro la contraffazione dei prodotti industriali nel dicembre 2012 Tajani ha poi lanciato una campagna di sensibilizzazione per i cittadini, in collaborazione con la Guardia di Finanza e l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli dopodichè, nel febbraio 2013, la Commissione europea ha rafforzato ulteriormente la sorveglianza del mercato attraverso l’adozione di un pacchetto per rafforzare i controlli sui prodotti nel mercato interno.

Eletto con 453 voti come nuovo vicepresidente del Parlamento Europeo in quota FI-PPE, per la legislatura 2014-2019, nel novembre del 2014, ha rinunciato all’indennità transitoria di fine mandato che gli sarebbe spettata in quanto ex vicepresidente della Commissione: un ammontare di circa 13 mila euro al mese per tre anni, quindi 468 mila euro totali che egli ha scelto di non ricevere per una “scelta di coscienza”.

A Tajani sono giunti gli auguri del suo predecessore Schultz, dei massimi rappresentanti istituzionali europei, del Presidente Mattarella e del premier Gentiloni.

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Scompare uno dei mostri sacri della filosofia.

Cvetan (o Tzvetan) Todorov, filosofo e saggista bulgaro naturalizzato francese, è scomparso qualche giorno fa a Parigi. Todorov, dopo gli studi condotti in patria, nel 1963 ha lasciato la Bulgaria dove il regime comunista negava la libertà intellettuale e si è trasferito a Parigi, dove ha studiato filosofia del linguaggio con…

Leggi tutto »

Operazione Stige, eseguiti in Italia e Germania centinaia di arresti, disarticolata la cosca ‘ndranghetista Farao-Marincola – VIDEO

I carabinieri del Ros e del comando provinciale di Crotone, coordinati dalla Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro, dalle prime ore di questa mattina, hanno notificato 169 provvedimenti restrittivi (ci sarebbero anche due sindaci della provincia di Crotone) disarticolando la cosca ‘ndranghetista Farao-Marincola, una delle più potenti cosche calabresi con ramificazioni anche…

Leggi tutto »