MediterraneiNews.it

Exnofobia anche in Africa? Il caso Sudafrica.

Mentre i riflettori sono puntati sull’america di Trump la exnofobia si fa strada persino nel Continente nero dove il governo dello Zimbabwe ha ottenuto rassicurazioni dalle autorità sudafricane sulle misure prese per far fronte alle recenti minacce  nei confronti della comunità di zimbabwiani che vivono nel Paese.

Le tensioni in Sudafrica nei confronti degli stranieri sono aumentate dopo che un gruppo denominato “Mamelodi Concerned Residents” ha fatto circolare una lettera di minacce nella quale accusa gli immigrati di commettere crimini come traffico di droga e rapine.

Già un anno e mezzo fa, cinque immigrati vennero uccisi nelle città di Durban e Johannesburg, sempre in Sudafrica, durante alcuni scontri tra manifestanti e polizia una situazione che aveva spinto alla fuga cinquemila persone mentre per proteggersi, le comunità di immigrati avevano dovuto iniziare a organizzare persino delle pattuglie e delle ronde private.

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Venticinque anni fa gli accordio di pace in Mozambico, un successo italiano.

Dopo l’indipendenza nel 1975, il Mozambico, sotto la presidenza di Samora Machel, leader del movimento socialista Fronte di Liberazione del Mozambico (FRELIMO), si allineò politicamente all’Unione Sovietica, dando luogo a un’economia socialista e diventando un punto di riferimento per i movimenti indipendentisti e anti-apartheid dei vicini Sudafrica e Rhodesia. Questi paesi, con l’apporto anche degli Stati Uniti, finanziarono la costituzione in Mozambico…

Leggi tutto »

Elezioni in Marocco, un paese stabile che si incammina verso il progresso.

Nel turbolento quadrante nordafricano è piacevole osservare gli sviluppi politici e istituzionali che stanno avvenendo in Marocco. Già nel 2001 infatti con l’approvazione di un pacchetto di riforme il paese ha avviato un processo di ammodernamento degno di nota. Con quel referendum infatti, il Re è obbligato a nominare primo…

Leggi tutto »