MediterraneiNews.it

Caos in Brasile: oltre cento i morti dopo lo sciopero della polizia.

Espírito Santo è uno Stato del Brasile situato nella parte sudorientale del Paese; la sua capitale è la città di Vitória. Il suo principale centro economico è situato nella regione metropolitana di Grande Vitória (formata da Vitória, Vila Velha, Cariacica, Serra, Viana, Guarapari e Fundão). Essendo uno Stato costiero, Espírito Santo attra una grande quantità di turisti durante l’estate. La città di Guarapari è particolarmente nota per le sue sabbie terapeutiche. Durante l’inverno il flusso turistico si concentra specialmente nelle varie municipalità della regione montuosa. Il settore dei servizi incide più di ogni altro sul PIL dello Stato con il 50% circa seguito dal settore industriale (44%) e dall’agricoltura (4%). Le maggiori colture dello Stato riguardano il riso, il caffè, cacao, canna da zucchero, fagioli, frutta (principalmente banane e papaie) e mais. Anche il settore turistico svolge un ruolo primario nell’economia dell’Espirito Santo; le maggiori destinazioni turistiche sono i centri costieri di Guarapari, Jacaraípe e Manguinho.

Ebbe da circa una settimana questo territorio è balzato agli onori della cronaca per lo sciopero della Polizia che ha deciso di incrociare le braccia dopo la morte di un agente e anche  per rivendicare aumenti salariali. Ma con la polizia fuori gioco, il territorio è finito in mano alle gang e bande criminali. Lo scenario che ne è scaturito è terribile: 101 morti, auto date alle fiamme, violenze, negozi chiusi, traffico fermo. Adesso oltre mille militari dell’esercito sono stati dispiegati per le strade di Vitoria, la capitale dello Stato in questione.

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Democrazia…brexit..

Pino Macino, da Pupari & Pupi E noi ?…..è da anni che giriamo intorno a scegliere il sistema elettorale…e non ne veniamo a capo. Conti su conti per vedere come meglio fregare il Partito avversario. Ancora paghiamo il porcellum….preparato ad arte dai leghisti e da Berlusconi per impedire al PD…

Leggi tutto »

Nuova crisi in Siria e Trump minaccia di colpire duro.

Ancora venti di guerra in Medio Oriente. Dopo il bombardato effettuato dalle forze governative siriane di Assad e la replica – durissima almeno dei toni – del Presidente americano Donald Trump. Un massacro che sembra non avere fine quello siriano e che ha suscitato anche le proteste del vicino –…

Leggi tutto »