MediterraneiNews.it

Nuova provocazione della Corea del Nord.

Nel corso di una conferenza stampa congiunta organizzata in fretta, Stati Uniti e Giappone hanno condannato l’ennesima provocazione della Corea del Nord che ha lanciato un missile balistico a medio raggio con una portata compreso tra i 3.000 e i 5.500 chilometri. Il missile ha coperto una distanza di 500 chilometri prima di schiantarsi nel Mar del Giappone

Gli Stati Uniti – ha commentato Donald Trump, – sono con il Giappone al 100%. Sdegnata, anche la reazione del premier nipponico Shinzo Abe. C’ comunque da dire che secondo gli esperti del Comando Strategico americano in nessun momento il missile ha rappresentato una minaccia per gli alleati nella regione.

Resta da vedere che cosa deciderranno ora di fare i due alleati. Già con Obama si era affermata la strategia del pivot to Asia, in funzione anticinese. Trum potrebbe intensificare questa strategia includendo la Corea del Nord tra gli stati ostili che minacciano l’equilibrio regionale.

 

 

 

 

 

 

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

L’India si proietta sui mari.

Secondo l’ammiraglio americano Alfred Thayer Mahan chi domina l’Oceano Indiano domina l’intera Asia. Forse gli strateghi e i decisori della Federazione Indiana, il secondo stato più popoloso del pianeta e la più grande democrazia del globo, si saranno ricordati di questa espressione quando hanno varato una strategia di rafforzamento della…

Leggi tutto »

Medio Oriente: nuovo attacco nella notte contro installazioni militari in Siria. Uccisi anche soldati iraniani.

Piovono bombe nuovamente sulla Siria. Nella notte di ieri infatti, alcuni missili, hanno colpito delle postazioni militari site nelle province di Aleppo e Hama, provocando almeno una quarantina di morti e una sessantina di feriti. Tra questi – e non è un fatto secondario – anche dei militari iraniani che,…

Leggi tutto »