MediterraneiNews.it

Nuova provocazione della Corea del Nord.

Nel corso di una conferenza stampa congiunta organizzata in fretta, Stati Uniti e Giappone hanno condannato l’ennesima provocazione della Corea del Nord che ha lanciato un missile balistico a medio raggio con una portata compreso tra i 3.000 e i 5.500 chilometri. Il missile ha coperto una distanza di 500 chilometri prima di schiantarsi nel Mar del Giappone

Gli Stati Uniti – ha commentato Donald Trump, – sono con il Giappone al 100%. Sdegnata, anche la reazione del premier nipponico Shinzo Abe. C’ comunque da dire che secondo gli esperti del Comando Strategico americano in nessun momento il missile ha rappresentato una minaccia per gli alleati nella regione.

Resta da vedere che cosa deciderranno ora di fare i due alleati. Già con Obama si era affermata la strategia del pivot to Asia, in funzione anticinese. Trum potrebbe intensificare questa strategia includendo la Corea del Nord tra gli stati ostili che minacciano l’equilibrio regionale.

 

 

 

 

 

 

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Trump vince con 1,6 milioni di voti in meno della Clinton. Gli errori della destra e della sinistra.

Era dalla sconfitta di Bersani nel 2013 – quella del giaguaro – che non vedevo una campagna così mal condotta. Seguo le campagne elettorali americane dal 1992, oltre ad aver studiato tutte le altre, e quindi a conti fatti mi son trovato da buon democratico a festeggiare quattro volte e…

Leggi tutto »

India: storica sentenza della Corte suprema su religione ed elezioni.

“Nel segreto dell’urna, Dio ti vede Stalin no”. Era questo uno slogan che andava per la maggiore nell’italietta degli anni cinquanta, quella della contrapposizione tra democristiano e comunisti con il quale si tentava di fare pressioni sui credenti affinché dessero il loro voto ai partiti di tradizione cattolica a scapito…

Leggi tutto »