MediterraneiNews.it

Unicef, l’ultimo rapporto fotografa una situazione drammatica per i minori che dal Nord Africa arrivano in Europa sulla rotta del Mediterraneo centrale

Si intitola “Dalla Libia all’Italia – Un viaggio fatale per i bambini” il nuovo rapporto pubblicato dall’Unicef. Un documento che fotografa una situazione terribile per i piccoli non accompagnati che dal Nord Africa arrivano in Europa sulla rotta del Mediterraneo centrale.

Il rapporto della serie “Child Alert”, in particolare, fornisce un quadro accurato dei terribili rischi che i bambini rifugiati e migranti affrontano durante i loro lunghi viaggi dall’Africa Subsahariana alla Libia e alla traversata via mare per raggiungere l’Italia.
Tre quarti dei bambini rifugiati e migranti contattati nell’indagine dell’Unicef hanno dichiarato di avere subito violenze, molestie o aggressioni per mano di adulti durante il tragitto, mentre circa metà delle donne e dei bambini hanno affermato di avere subito abusi sessuali durante la migrazione, spesso più volte e in diversi punti lungo il viaggio.
 Rapporto Unicef
Quasi tutti i minorenni ascoltati ha denunciato di essere stata vittima di abusi verbali o psicologici, mentre circa metà ha subito percosse o altre forme di violenza fisica. Gli abusi risultano più frequenti tra le ragazze.
Nel 2016 si stima che almeno 4.579 persone (fra cui 700 bambini) siano morte nel tentativo di attraversare il Mediterraneo partendo dalla Libia: 1 vittima ogni 40, fra coloro che hanno tentato la traversata.
“La rotta del Mediterraneo Centrale, dal Nord Africa all’Europa, è tra quelle al mondo in cui muoiono più persone ed è tra le più pericolose per i bambini e le donne –  afferma Afshan Khan, direttrice dell’Unicef per l’Europa e coordinatore speciale per la crisi dei minori migranti e rifugiati nel continente -. La rotta è per la maggior parte controllata dai trafficanti e da altri individui che vedono come prede i bambini e le donne disperati che sono semplicemente alla ricerca di un rifugio o di una vita migliore. Occorrono vie e piani di sicurezza sicuri e legali per proteggere i bambini migranti, per tenerli al sicuro e lontano dai trafficanti”.
Unicef, l'ultimo rapporto fotografa la situazione drammatica per i minori che dal Nord Africa giungono in Italia
Gli ultimi dati di un’indagine condotta dall’Unicef in Libia a fine 2016 hanno rivelato spaventosi livelli di abusi su donne e bambini lungo la rotta seguita dei migranti.
Al momento dell’indagine si stimava che vi fossero in Libia circa 256mila migranti, fra cui 30.803 donne e 23.102 bambini (un terzo dei quali non accompagnati). Ma i dati reali potrebbero essere tre volte più alti di questi.
La maggior parte dei bambini e delle donne hanno riferito di avere pagato i trafficanti all’inizio del viaggio, rimanendo in debito sotto la formula “pay as you go” (pagare per partire) e quindi estremamente vulnerabili ad abusi, schiavitù e violenze.
Le donne e i bambini contattati hanno anche riferito di condizioni durissime e degradanti, cibo scarso e non nutriente, alloggi sovraffollati e privi delle minime misure igieniche, nei centri di detenzione in Libia gestiti dal governo o dalle milizie armate
“Nessun bambino – dichiara Afshan Khan – dovrebbe mai essere costretto a mettere la sua vita nelle mani dei trafficanti semplicemente perché non ha alternative. Dobbiamo individuare a livello globale i fattori all’origine delle migrazioni, e lavorare insieme per un solido sistema di passaggi sicuri e legali per i minori in movimento, siano essi rifugiati o migranti”.
Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Venticinque anni fa gli accordio di pace in Mozambico, un successo italiano.

Dopo l’indipendenza nel 1975, il Mozambico, sotto la presidenza di Samora Machel, leader del movimento socialista Fronte di Liberazione del Mozambico (FRELIMO), si allineò politicamente all’Unione Sovietica, dando luogo a un’economia socialista e diventando un punto di riferimento per i movimenti indipendentisti e anti-apartheid dei vicini Sudafrica e Rhodesia. Questi paesi, con l’apporto anche degli Stati Uniti, finanziarono la costituzione in Mozambico…

Leggi tutto »

Direzione nazionale antimafia, “la ‘ndrangheta è presente in tutti i settori nevralgici della politica, dell’amministrazione pubblica e dell’economia”

Presentata questa mattina a Roma, alla presenza del procuratore, Franco Roberti e della presidente della commissione Antimafia, Rosy Bindi, la relazione annuale del 2016 della Direzione Nazionale Antimafia e Antiterrorismo. “Le risultanze delle diverse indagini – si legge – confermano la diffusa presenza della ‘ndrangheta in quasi tutte le regioni…

Leggi tutto »