MediterraneiNews.it

Due scuole sequestrate a Locri.

La Direzione distrettuale antimafia di Reggio Calabria ha disposto il sequestro di due immobili che ospitavano, a Locri nel reggino, l’istituto  statale d’arte Panetta e dell’Istituto professionale statale per l’industria e l’agricoltura, dove studiano circa 800 alunni.

I due immobili sarebbero stati realizzati in zone dove non potevano essere ubicati, sarebbero privi del certificato di agibilità e non sarebbero stati collaudati. Per il momento gli alunni non potranno tornare nelle due scuole fono a quando non saranno ultimate tutte le verifiche di sicurezza disposte dalla Procura che si renderanno necessarie. E dire che la Provincia di Reggio, per l’acquisto di un immobile e l’affitto dell’altro, ha speso in totale oltre 12 milioni di euro.

Il gip di Reggio calabria, ha quindi emesso quindici  misure cautelari, con accuse che vanno dalla truffa aggravata e continuata, all’abuso d’ufficio e frode nelle pubbliche forniture. Tra gli indagati anche ex amministratori e funzionari del Comune di Locri e della Provincia di Reggio Calabria e Salvatore Calabrese, padre dell’attuale sindaco di Locri Giuseppe Calabrese

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Cinquefrondi: Al via progetto pilota su Commercio e Centro storico.

L’Amministrazione Comunale – nelle persone del Sindaco Michele Conia e dell’Assessore al Commercio Gabriella Valentino – hanno inteso avviare una serie di interventi per incentivare il settore del commercio del centro urbano della Piana di Gioia Tauro. Un  azione questa strettamente collegata all’intenzione di porre in essere un  processo altrettanto importante di riqualificazione…

Leggi tutto »

“Stato assente al Sud”, sui fatti di Limbadi interviene alla Camera la deputata calabrese Dalila Nesci (M5S). Per domenica organizzata una seduta straordinaria del consiglio comunale – VIDEO

“La cappa della ‘ndrangheta al Sud è fortissima, è una cappa culturale. All’emancipazione da queste dinamiche terribili deve compartecipare l’Italia tutta e in primis noi parlamentari e le Istituzioni che devono dare una risposta solida a questi accadimenti”. Esordisce così l’onorevole Dalila Nesci (M5S) nel suo intervento di circa due minuti…

Leggi tutto »