MediterraneiNews.it

I sindacati contro la soppressione del servizio delle professioni sanitarie

I responsabili provinciali dei sindacati Nursing up, Giuseppe Gliozzi, e Fials, Amerigo Colaci hanno definito “umiliante” la decisione dell’Asp di sopprimere il servizio delle professioni sanitarie istituito nel 2013 affermando che tale decvisione  avrà “ricadute negative sui servizi e sull’utenza”.

Grazie a questo servizio infatti – secondo i due esponenti sindacali – l’Asp di Vibo si era allineata alle aziende sanitarie che, in ambito nazionale, rappresentano modelli di eccellenza nel campo dell’organizzazione e gestione dei processi assistenziali che interessano le professioni sanitarie.

Pertando con tale deciosione – proseguono i due sindacalisti – l’azienda “dimostra, con i fatti, scarsa considerazione nei confronti dei cosidetti “camici bianchi” che partecipano attivamente ai processi produttivi, e che rappresentano oltre il 60% del personale del comparto sanità”.

I due sindacalasti si chiedono quindi chi svolgerà adesso, dopo questa decisione dell’Asp, le funzioni del servizio professioni sanitarie e chi si occuperà di risolvere le carenze improvvise e non del personale infermieristico, tecnico, della riabilitazione e della prevenzione.

I due sindacalisti annunciano infine di aver quindi inoltrato una nota, trasmessa anche al commissario per il piano di rientro, con cui chiedono la revoca della delibera 417 che sopprime  il servizio delle professioni sanitarie adombrando motivi di illeggitimità e invita l’Azienda sanitaria  a rivedere le posizioni assunte nei confronti delle questioni poste, a mezzo di apposita dichiarazione a verbale, nelle riunione di delegazione trattante tenutasi in data 15 marzo.

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Il PDi vibonese scrive al Governatore Oliviero.

“Caro presidente Mario Oliverio, abbiamo rispetto assoluto verso gli organismi di partito e, in maggior parte, verso le istituzioni. E sappiamo bene, dunque, che il confronto sui problemi della Calabria debba trovare concreto impulso all’interno delle sedi politiche – che rappresentano il terreno ideale di coltura per individuare le soluzioni…

Leggi tutto »

Migranti. Nicotera chiede lo SPRAR dopo la condanna dell’ONU sui campi di detenzione in Libia e i centri di accoglienza disumani in Italia.

Arrivano accuse gravissime dall’Onu verso Italia e Ue per l’inumana gestione dei migranti libici. Secondo l’Alto commissario per i diritti umani Zeid Raad Al Hussein, i finanziamenti provenienti da Roma e Bruxelles per trattenere i migranti in Libia li esporrebbero alle condizioni disumane dei campi di detenzione confermate da un…

Leggi tutto »