MediterraneiNews.it

Dieta mediterranea 4.0. Al via una campagna di promozione europea.

Si è tenuto dal 20 al 21 aprile scorso, a Palazzo delle Stelline di Milano, NutriMi, il Forum di Nutrizione Pratica, appuntamento è stato aperto da Sandro Dernini, segretario generale di IFMeD – International Foundation of Mediterranean Diete.

Obiettivo, quello di cosidetto presentare, attraverso la Campagna Europea di Promozione della Dieta Mediterranea, il modello Med Diet 4.0.

Un concetto – quello di Med Diet 4.0 – apparso, a dicembre 2016, in un articolo intitolato “Med Diet 4.0: la dieta mediterranea e i suoi quattro benefici sostenibili” sulla prestigiosa rivista Public Health Nutrition, edita dall’Università di Cambridge e strutturato in quattro dimensioni: 1) benefici nutrizionali e salutistici superiori a livello cardiovascolare, dell’apparato digerente, respiratorio e del sistema immunitario; 2) basso impatto ambientale e ricchezza di biodiversità autoctona che permette la conservazione di diversità biologiche locali e la tradizionale conoscenza del loro impiego; 3) un elevato valore socioculturale dell’alimentazione e d) un impatto positivo sulle economie locali.

Un modello sostenibile presentato per la prima volta nel 2015  in Expo A Milano, nell’ambito dell’evento promosso da Cnr, Ciheam, Cra, Enea e Forum sulle Culture Alimentari Mediterranee “The Med Diet Expo 2015 call: tempo di agire”.

 

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Dieta Mediterranea di Nicotera. Convegno 8 giugno e avvio ufficiale dei ristoranti iscritti al Club Dieta Mediterranea.

Si svolgerà a Nicotera  giorno 8 giugno 2017 alle ore 17.30 , presso la sala del Consiglio Comunale, un convegno sulla Dieta Mediterranea: “Stile di vita sano e sviluppo sostenibile: un binomio inscindibile nella Dieta Mediterranea”. Il convegno è organizzato dal Club Unesco di Vibo Valentia, l’Accademia Internazionale della Dieta…

Leggi tutto »

L’Unione Europea ha rafforzato la politica di sicurezza e difesa comune.

Si muove finalmente qualcosa sul fronte della difesa comune europea dopo la sottoscrizione nei giorni scorsi del  progetto di cooperazione, noto come PESCO, previsto dal Trattato di Lisbona, ma per quasi un ventennio è rimasto una disposizione non attuata degli accordi. L’accordo in sostanza prevede numerosi impegni vincolanti tra cui…

Leggi tutto »