MediterraneiNews.it

Grazie al lavoro dell’Università di Siena tra qualche tempo potranno essere abbattuti i confini tra reale e virtuale.

Quello che hanno realizzato i ricercatori dell’Università di Siena – nella fattispecie il gruppo di lavoro diretto da Domenico Prattichizzo, docente di robotica all’Università di Siena e di cui ha parlato la rivista IEEE Transactions on Haptics e il sito della rivista Science – sembra davvero uscito da uno di quei film di fantascienza che vediamo in tv o al cinema.

Si tratta di mini-dispositivi molto simili ad anelli e ditali che, indossati sulla mano, fanno percepire le sensazioni tattili associate ad oggetti virtuali lasciando però le dita libere di interagire anche con gli oggetti reali: in questo modo il cervello viene completamente ‘ingannato’, abbattendo i confini tra mondo reale e mondo virtuale.

E il viaggio in questa nuova frontiera della tecnologia non si arresta qui perchè i bravissimi ricercatori sono già al lavoro per migliore questi dispositivi indossabili aggiungendo la sensazione delle vibrazioni, in modo da simulare la texture degli oggetti. Il gruppo di lavoro senese sta inoltre sviluppando una fascia aptica da applicare al braccio per suscitare la sensazione associata al sollevamento di oggetti pesanti nella realtà virtuale.

L’obiettivo dell’ambizioso progetto è quello di permettere il passaggio dal mondo reale alla realtà virtuale alla velocità di uno schiocco di dita: sarà così possibile – solo per fare un esempio – per ciascuno di noi toccare la  consistenza di un prodotto prima di acquistarlo online.

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Facebook alla conquista del mondo della realtà virtuale.

Oculus societa’ di proprieta’ di Facebook, – azienda già nota per aver lanciato sul mercato Oculus Rift, un visore per realtà virtuale indossabile sul viso (in inglese HMD, head-mounted display), le cui caratteristiche sono la bassa latenza e un ampio campo di visuale – sta lavorando su dei guanti con i quali in futuro si potrà interagire…

Leggi tutto »

Il ricercatore vibonese Sergio Gaudio incontrerà gli studenti il prossimo 5 dicembre su invito della Camera di commercio.

Sergio Gaudio, giovane ricercatore del team di scienziati protagonisti dell’importante scoperta sulle onde gravitazionali che è valsa l’ambito riconoscimento ritirato di recente a Stoccolma dagli scienziati Kip Thorne, Rainer Weiss e Barry C. Barish, sarà a Vibo il prossimo 5 dicembre alle ore 15.00 dove, su invito della Camera di…

Leggi tutto »