MediterraneiNews.it

Unione Europea, da oggi per l’uso di smartphone all’estero vale il piano nazionale

Roaming “addio”

A partire da oggi finisce l’era del roaming e dei costi extra per l’utilizzo del proprio cellulare all’estero. Un cambiamento epocale per tutti i cittadini dell’Ue, finalmente liberi da tariffe penalizzanti. Il nuove regime “roaming free”, però, non elimina i costi per le telefonate internazionali, né esclude il rischio di rincari domestici: l’abolizione del roaming è possibile grazie all’eliminazione dei sovraccosti all’ingresso che le compagnie telefoniche praticano l’una all’altra per permettere alle proprie schede di funzionare oltre i confini nazionali. Si tratta di mancati introiti per gli operatori, che potrebbero recuperarli altrove. Non c’è dubbio però che da oggi si potrà portare il proprio apparecchio portatile per farne uso “normale”, qualcosa impossibile fino a ieri.

Niente roaming, vale il piano nazionale, per le telefonate e per internet

Il roaming indica l’utilizzo di reti di telecomunicazioni diverse da quelle solitamente utilizzate. E’ quello che accade quando si porta la scheda del telefono in un altro Paese: si esce dalla rete nazionale e si entra in un’altra infrastruttura. L’uso di quest’ultima è sempre stata a carico dell’utente. Da oggi la rete straniera non sarà più a pagamento. Le operazioni da smartphone e telefoni cellulari (telefonate, sms, dati internet) effettuate da un altro paese dell’Ue saranno coperte dal pacchetto nazionale. Vuol dire che anche all’estero tutto costerà come a casa propria, secondo il contratto che si è sottoscritto, senza costi aggiuntivi. Anche ricevere sarà a costo zero. Dire “pronto?” oltre confine costerà come a casa propria.

Roaming free sempre, ma non per sempre

Il piano telefonico sottoscritto a casa propria varrà all’estero in qualunque momento dell’anno. Vuol dire che a prescindere che si viaggi per lavoro o vacanza, l’uso del telefono sarà sempre possibile senza costi aggiuntivi. Se però si utilizza regolarmente la propria scheda nazionale all’estero più di quanto la si usa a casa, allora il regime ‘roaming free’ viene eliminato e l’utente inizierà a pagare di nuovo tariffe più alte.
La regola generale è che si potrà usufruire del roaming a tariffa nazionale durante i propri viaggi in qualsiasi paese dell’Ue in qualsiasi momento, purché si utilizzi più spesso il telefono cellulare nel proprio Paese che all’estero.

Internet non illimitato
Una volta all’estero tutto dipende dal piano tariffario nazionale. Se nel proprio paese di residenza si dispone di chiamate e messaggi di testo, questi saranno disponibili anche quando si utilizzano i servizi di roaming nell’Ue. Tuttavia per i dati mobili l’operatore potrebbe applicarvi un limite di salvaguardia (utilizzo corretto) all’uso extra-nazionale. In tal caso, è tenuto ad informare preventivamente l’utente e ad avvisarlo nel caso in cui tale limite venga raggiunto.

Non si eliminano le chiamate internazionali
L’abolizione del roaming non corrisponde all’abolizione dei costi delle telefonate internazionali. Vuol dire che mentre si è all’estero si può chiamare verso i numeri del proprio Paese di residenza secondo i prezzi del proprio piano tariffario nazionale, ma telefonare verso numeri di altri Paesi (incluso quello in cui ci si trova temporaneamente) continuerà a costare come una chiamata internazionale. Così come si continuerà a chiamare a costi maggiorati dal proprio Paese di residenza verso numeri di altri Paesi.

Rischio aumenti tariffe nazionali
L’abbattimento dei costi roaming è stato possibile cancellando i prezzi praticati tra compagnie telefoniche per permettere l’utilizzo delle diverse schede sulle diverse linee di telecomunicazione. Si tratta di introiti in meno per gli operatori, che difficilmente si rassegneranno all’idea di fatturare meno. Possibile una revisione dei piani nazionali, con aumento delle tariffe o il passaggio a pagamento di servizi finora gratuiti.

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Il Terrorismo torna a colpire: furgone sulla folla a Barcellona

La Rambla (vedi mappa) è uno dei luoghi più emblematici della città catalana di Barcellona, frequentatissimo tutto l’anno sia da turisti sia dagli abitanti del luogo, e ha nomi diversi nei suoi diversi tratti, per cui a volte è chiamata al plurale Les Rambles in catalano e Las Ramblas in castigliano. La parola rambla deriva dall’arabo raml (sabbia) e designa, come…

Leggi tutto »

Catalogna, vittoria risicata per i partiti indipendentisti.

Le elezioni di ieri in Catalogna – regione spagnola dove sono molto forti le spinte indipendentistiche – rischiano di accentuare i problemi invece che di appianare le divisioni. A scrutinio ormai concluso infatti, l’elettorato catalano che massicciamente si è recato alle urne (81% d affluenza, sette punti in più rispetto…

Leggi tutto »