MediterraneiNews.it

Al vaglio del Vaticano la scomunica per mafiosi e corrotti

Sarebbe in preparazione, presso la Santa Sede, un provvedimento da parte del gruppo di lavoro sulla corruzione  che prevederebbe la scomunica per corruzione e mafia per tutti coloro che si macchiano di tali crimini.

“Il gruppo di lavoro – afferma la Santa Sede -, sta provvedendo all’elaborazione di un testo condiviso approfondendo, a livello internazionale e di dottrina giuridica della Chiesa, la questione relativa alla scomunica per corruzione e associazione mafiosa”.

La decisione sarebbe stata presa a conclusione del primo Dibattito internazionale sulla corruzione del 15 giugno, organizzato con la Pontificia accademia per le Scienze sociali al quale hanno partecipato circa 50 tra magistrati anti-mafia e anti-corruzione, vescovi, personalità di istituzioni vaticane, degli Stati e delle Nazioni Unite, capi di movimenti, intellettuali e alcuni ambasciatori perchè “la lotta alla corruzione e alle mafie – si è affermato – è una questione non solo di legalità, ma di civiltà”.

La scomunica è la pena più grave nella Chiesa. L’antichissima fattispecie comporta l’allontanamento dalla comunità dei fedeli e la conseguente esclusione dai sacramenti.

“I mafiosi sono scomunicati, fuori dalla Chiesa” aveva annunciato in occasione della sua visita del 2014 in Calabria, nella spianata di Sibari, Papa Francesco, insieme a loro, ora, attraverso apposito decreto, potranno esserlo anche i corrotti.

“Il pontificato di Bergoglio – dichiara monsignor Michele Pennisi, arcivescovo di Monreale, uno dei presuli più impegnati su questo fronte –  è in linea con i suoi due predecessori che hanno contribuito all’interpretazione e alla condanna della mafia a partire dalle tradizionali e originali categorie cristiane. San Giovanni Paolo, nel 1993, nel discorso alla Valle dei templi, lanciò l’appello, “mafiosi convertitevi, una volta verrà il giudizio di Dio”, Benedetto XVI, nel 2010, a Palermo, sentenziò che la mafia è una strada di morte”.

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Totò Riina. Farlo morire dignitosamente?

Pino Macino, da Pupari & Pupi La Cassazione dice che ogni uomo ha diritto di morire dignitosamente. Penso che abbia ragione. Il punto dolente …quello che fa la differenza…passando dalla poesia alla prosa …..è che la Corte Suprema lo ha detto per Totò Riina, che ha 86 anni e mille…

Leggi tutto »

Un bilancio del pontificato di Papa Francesco secondo la voce del Priore di Bose, Enzo Bianchi

La Comunità monastica di Bose è una comunità religiosa formata da monaci di entrambi i sessi, provenienti da Chiese cristiane diverse. Sin dalla fondazione, la Comunità di Bose promuove un intenso dialogo ecumenico fra le differenti Chiese e denominazioni cristiane. Il fondatore e priore della comunità è Enzo Bianchi. La comunità…

Leggi tutto »