MediterraneiNews.it

Ricadi – Sequestrate quattro vasche del depuratore di Santa Maria.

Un operazione di controllo dei depuratori avviata dalla Procura di Vibo Valentia e dal Nucleo Ambiente della polizia giudiziaria ha portato ieri, al sequestro di quattro vasche del depuratore di Santa Maria di Ricadi e al deferimento del primo cittadino ricadese Giulia Russo, alla Procura di Vibo per il reato di deposito incontrollato di rifiuti.

I carabinieri sospettano che le ditte incaricate non abbiano effettuato lo smaltimento dei rifiuti per almeno due anni. Inoltre le quattro vasche sequestrate – contenenti circa 50 metri cubi di fanghi essiccati e non smaltiti – erano realizzate in cemento armato e risultano prive di copertura. L’impianto era inoltre del tutto privo degli strumenti di videosorveglianza.

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Ricadi, mistero sulla scomparsa di un tabaccaio

Mistero attorno alla scomparsa di Antonio Tripodi, 50 anni, tabaccaio, residente in via Roma nella popolosa frazione di Santa Domenica. Come tutte le mattine, l’uomo è uscito di casa intorno alle 7, ma anziché dirigersi verso il suo esercizio commerciale ha, evidentemente, imboccato un’altra direzione scomparendo nel nulla. Carabinieri, polizia,…

Leggi tutto »

Intimidazione contro un villaggio turistico, vertice in Prefettura.

Dopo l’intimidazione consumata ai danni del villaggio turistico “Sciabache” a Zambrone – nota struttura ricettiva che si è vista “recapitare” una bottiglia con benzina, le istituzioni prendono posizione e lanciano un chiaro segnale alle forze oscure del malaffare e della criminalità. Ancora una volta a prendere l’iniziativa è la Prefettura…

Leggi tutto »