MediterraneiNews.it

Ricadi – Sequestrate quattro vasche del depuratore di Santa Maria.

Un operazione di controllo dei depuratori avviata dalla Procura di Vibo Valentia e dal Nucleo Ambiente della polizia giudiziaria ha portato ieri, al sequestro di quattro vasche del depuratore di Santa Maria di Ricadi e al deferimento del primo cittadino ricadese Giulia Russo, alla Procura di Vibo per il reato di deposito incontrollato di rifiuti.

I carabinieri sospettano che le ditte incaricate non abbiano effettuato lo smaltimento dei rifiuti per almeno due anni. Inoltre le quattro vasche sequestrate – contenenti circa 50 metri cubi di fanghi essiccati e non smaltiti – erano realizzate in cemento armato e risultano prive di copertura. L’impianto era inoltre del tutto privo degli strumenti di videosorveglianza.

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Fabrizia: incendio ad un deposito di calzature

Fabrizia – piccolo centro delle Serre vibonesi – è stata il centro stanotte dell’ennesimo atto delinquenziale contro la libera impresa. Un incendio infatti – di natura quasi certamente dolosa – ha distrutto, un magazzino adibito a deposito di calzature di proprietà di un commerciante del luogo, Claudio Rullo. Un episodio increscioso…

Leggi tutto »

Omicidio a Mileto, ucciso un 15enne

Ci potrebbe essere un movente passionale alla base del fatto di sangue verificatosi intorno alle 23 di ieri sera in contrada “Vindacito”, quasi a ridosso dell’abitato del rione “Calabrò”, lungo la strada che dalla periferia di Mileto arriva sino a Francica. Protagonista del triste episodio un coetaneo della vittima  che,…

Leggi tutto »