MediterraneiNews.it

Provinciale 23, l’Ente appalta i lavori di sistemazione idrogeologica per la mitigazione delle frane

Appaltati dall’ente Provincia i lavori di sistemazione idrogeologica per la mitigazione del rischio di frana lungo la strada provinciale 23, nel tratto compreso tra Joppolo e la frazione Coccorino. L’importo complessivo per i lavori la cui durata di esecuzione non dovrà superare i 180 giorni, si aggirerà intorno ai 270mila euro.

Riguardo alla pericolosità dell’arteria, proprio in estate, era scattata l’ultima di una lunga serie di proteste anche perché sulla provinciale 23 che collega il comune tirrenico anche a Spilinga e Tropea e per questo motivo è molto trafficata sia d’estate che d’inverno, una delle strutture murarie di sostegno che dovrebbero proteggere la carreggiata presenta delle crepe quasi ad annunciare un’eventuale frana del costone sulla strada. Per di più, la zona del muraglione è stata interessata, durante l’estate, da vasti incendi, anche per questo si teme che con le prime piogge autunnali, il terreno possa cedere tanto quanto basta per liberare la forza cinetica di questo blocco di roccia. Poco distante, inoltre, un enorme masso del peso di diverse tonnellate incombe sulla sicurezza degli automobilisti in quanto sembrerebbe in procinto di precipitare sulla carreggiata.

Un tratto di rete viaria quello che sarà interessato dai lavori, da tanto tempo in stato di abbandono così da essere divenuto inagibile e pericoloso. Infatti, particolarmente durante il periodo invernale, è ripetutamente chiuso al traffico precauzionalmente perché a rischio frane. Ma non c’è mai fine al peggio. Infatti, l’adiacente strada provinciale 25, utilizzata dagli automobilisti quando la 23 è chiusa per smottamenti, si trova in situazioni peggiori. Criticità della rete viaria che interessano questo tratto di territorio da troppo tempo, ma alle quali, solo adesso è stata data la necessaria priorità. Alla gara hanno partecipato otto ditte delle quali una esclusa. La ditta aggiudicatrice, inoltre, avrebbe manifestato l’intenzione di subappaltare le lavorazioni relative a casseformi, scavi, rinterri e trasporti in discarica di materie.

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

spiaggia nicotera

Erosione costiera e dissesto idrogeologico, è l’ora della progettazione

Il recente decreto n.355/2017 emanato dalla Regione mette a disposizione un gruzzolo di circa 65milioni per combattere l’erosione costiera calabrese. I nove Comuni del litorale tirrenico vibonese drizzano le antenne e si preparano a valutare il da farsi. E’ l’ennesimo treno che passa per questo settore e nessun ente si…

Leggi tutto »

L’asp di Vibo chiede al comune di Nicotere di revocare l’ordinanza di utilizzo dell’acqua ad uso potabile.

Non mancherà di suscitare polemiche la nota – inviata alla Commissione straordinaria del Comune di Nicotera, alla Sorical, al Dipartimento Salute e Politiche sanitarie della Regione Calabria ed al prefetto di Vibo Valentia Guido Longo – con la quale il Dipartimento di Prevenzione dell’Asp diretto dal dott. Cesare Pasqua, chiede la revoca dell’ordinanza di utilizzo…

Leggi tutto »