MediterraneiNews.it

Ma va? Ci voleva la zingara? Le mani della ‘ndrangheta sul depuratore e termovalorizzatore di Gioia Tauro.

Pino Macino, da Pupari & Pupi

Era nell’aria da tempo. Ora  La Procura distrettuale ci dice che sul termovalorizzatore e sull’impianto  di depurazione di Gioia Tauro c’erano e ci sono le lunghe mani della ndrangheta. Ma va? Ci voleva la zingara ? i rifiuti sono cosa loro da sempre. E la carne venduta si trova ad ogni angolo  ….i soldi profumano sempre. Puoi anche far finta di non sapere…tanto tutto è silenzio. Ma alla fine ci arrivi . Ma dietro questi affari non c’erano solo i loro guadagni…c’erano e ci sono le nostre vite…il nostro diritto alla salute…il nostro diritto ad un ambiente  rispettato.C’era rimasto solo quello….e Profazio nelle piazze cantava ” qui si campa d’aria”….a consolatoria conclusione sulle nostre sconfitte. Ora ci hanno tolto pure quella….ed ancora continueremo a far finta di niente. Ci sono i responsabili. Ed i complici pure.

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Crotone, smascherata frode ai danni dell’Inps

La Guardia di Finanza di Crotone ha scoperto l’ennesima truffa ai danni dell’Inps perpetrata da un’azienda crotonese mediante la fittizia assunzione di lavoratori inesistenti. Le minuziose indagini svolte dalle Fiamme Gialle pitagoriche hanno consentito di accertare che l’azienda non disponeva effettivamente di strutture e terreni, indicati fittiziamente sulle domande di…

Leggi tutto »

Limbadi baciata dalla fortuna. Mezzo milione di euro con il “Gratta e Vinci”.

Ogni tanto la fortuna bacia il vibonese. Ammonta infatti a 500mila euro la vincita a Limbadi dove lo scorso 16 maggio era stato venduto un biglietto “gratta e vinci” presso una ricevitoria del piccolo centro urbano del comprensorio nicoterese. E’ stato lo stesso vincitore a contattare il titolare della Tabaccheria per informarlo…

Leggi tutto »