MediterraneiNews.it

Repubblica Ceca: alle elezioni vincono i liberali. Complicato però formare ora un governo.

Sono i liberali di ANO (acronimo di Akce nespokojených občanů) guidati dal miliardario Andrej Babiš, i grandi vincitori delle elezioni politiche tenutesi oggi nella Repubblica Ceca.

Il partito in questione, ha raccolto il 29.6% e 78 seggi (guadagnando undici punti e 31 seggi) ma adesso bisognerà vedere come sarà possibile costituire una maggioranza di governo, dato che il parlamento che esce stasera dalle urne, risulta molto frammentato.

Al secondo posto, difatti, nettamente distanziati, troviamo i conservatori dell’ODS con l’11.3% dei voti e 25 seggi. Al terzo posto il parito anti sistema dei Pirati che dopo aver fallito nelle scorse elezioni l’ingresso al parlamento centra ora l’obiettivo conquistando il 10.8% e 22 seggi. Quarti, un altro partito populista: l’SPD con il 10.6% e 22 seggi.

Seguono i comunisti (KSCM) – con il 7.7% e 15 seggi – e i socialdemocratici dell’CSSD – con il 7.2% e 15 seggi. Un crollo per le sinistre quindi che complessivamente, nel loro insieme, perdono oltre venti punti. I socialdemocratici, lo ricordiamo, erano alla guida del governo uscente proprio in coalizione con i liberali di ANO e con un altro partito moderato quello dei cristianodemocratici del KDU-CSL  che hanno ottenuto il 5.8% dei voti e 11 seggi.

Entrano inoltre nel nuovo parlamento sia i moderati del TOP 09 (componenti del PPE a livello europeo) con il 5.3% e 6 seggi e il Partito dei sindaci e indipendenti con il 5.1% e 6 seggi.

Adesso inizieranno a giorni le consultazione per il nuovo governo. Le ipotesi più accreditate, numeri alla mano, sono un governo di centro destra quadripartito (ANO-ODS- Top 09 e KDU-CSL) che avrebbe 120 seggi su duecento della camera bassa oppure una riedizione della coalizion tripartita di centrosinistra tra ANO- CCSD e KDU-CSL) che avrebbe l’appoggio di 104 deputati. Possibile anche un governo tra ANO e i Pirati con l’apporto di una terza forza.

 

 

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

UE, il Parlamento invita a Strasburgo i familiari della giornalista maltese assassinata il 16 ottobre

Il Parlamento europeo ha invitato a Strasburgo i familiari di Daphne Caruana Galicia, la giornalista maltese uccisa con un’autobomba sull’isola. Ad annunciarlo il presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani. “Ho deciso di invitare la famiglia della giornalista uccisa – afferma – durante una delle prossime sedute a Strasburgo”. “E’ inaccettabile –…

Leggi tutto »

Anche in Europa il M5S sceglie di non scegliere.

“Hanno partecipato alla votazione 40.654 iscritti certificati. Ha votato per il passaggio all’ALDE (Gruppo del parlamento europeo che include vari partiti liberali di centrodestra o centrosinistra, tutti tradizionalmene europeisti) il 78,5% dei votanti pari a 31.914 iscritti, 6.444 hanno votato per la permanenza nell’EFDD (gruppo euroscettico) e 2.296 per confluire nei…

Leggi tutto »