MediterraneiNews.it

Argentina: successo del Presidente Macri alle elezioni legislative.

La coalizione moderata “Cambiemos” – composta da Coalición Cívica ARI, Prpuesta Repubblica e Unión Cívica Radical – che sostiene il presidente Mauricio Macri – è la vincitrice delle elezioni legislative tenutesi domenica in Argentina.

Cambiemos ha infatti ottenu 109 seggi alla Camera (+20) e 26 al Senato (+9). Sconfitta inveceper la destra peronista del Partido Justicialista che ottiene 73 seggi alla Camera (-25) e 28 (-11) al Senato.

Al terzo posto si colloca invece il partito di centrosinistra dell’Unidad Ciudadanas dell’ex presidente Cristina Fernández de Kirchner che ha ottenuto un ottimo risultato sia alla Camera con 30 seggi (+25) che al Senato dove si è aggiudicato 6 seggi (+3).

In difficoltà invece gli ultraperonisti di Unidos per una Nueva Alternativa che si aggidicano 24 seggi (-19) alla Camera e 4 seggi (-1) al Senato.

Ventuno seggi alla Camera e sei al Senato sono andati ai partiti minori tra i quali vi è il Frente Cívico por Santiago di ispirazione socialista che mantiene i suoi 6 seggi.

Ricordiamo che l’Argentina ha un parlamento bicamerale composto da 257 deputati e 72 senatori. Con questo voto Macri dispone ora di una presenza rafforzata nei due rami del parlamento.

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

L’attentato di Berlino: storie e profili diversi e consigli per una nuova fase dell’accoglienza ai migranti.

L’Attentato di Berlino segna purtroppo questo Natale con il colore rosso del sangue di – almeno fino ad oggi – dodici vittime innocenti. La Germania, il paese che ha più accolto rifugiati e stranieri, in termini numerici assoluti, si trova a dover fare i conti con il terrorismo internazionale. Tre…

Leggi tutto »

Anche in Europa il M5S sceglie di non scegliere.

“Hanno partecipato alla votazione 40.654 iscritti certificati. Ha votato per il passaggio all’ALDE (Gruppo del parlamento europeo che include vari partiti liberali di centrodestra o centrosinistra, tutti tradizionalmene europeisti) il 78,5% dei votanti pari a 31.914 iscritti, 6.444 hanno votato per la permanenza nell’EFDD (gruppo euroscettico) e 2.296 per confluire nei…

Leggi tutto »