MediterraneiNews.it

Sequestrate 574 piante di cannabis indica

Coltivazione di cannabis indica, altre 574 piante finiscono in cenere. A individuarle, sequestrarle e distruggerle ancora una volta i Carabinieri delle stazioni di Nicotera e Nicotera Marina, rispettivamente comandate dai marescialli Luca Caravaglio e Fabio Cirone, ormai da mesi impegnati in una sorta di purificazione del territorio. Forti della crescente esperienza maturata sul campo, anzi nei campi del comprensorio nicoterese ormai rastrellato palmo a palmo, giorno e notte, ancora una volta sono approdati a un risultato concreto. L’operazione è stata portata a compimento alla periferia Nord della città ossia in località “Casa bianca”, una sorta di pianoro a poca distanza dalla Provinciale Nicotera-Joppolo. Una zona, tutto sommato, non nuova a ritrovamenti di canapa e che i militari dell’Arma evidentemente tenevano sotto controllo da tempo. Il “bottino” sequestrato avant’ieri, se immesso in circolazione, avrebbe comportato un guadagno di oltre 800mila euro. E’ andato, invece, ad assommarsi ai quantitativi già distrutti negli ultimi mesi. Il numero delle piante di marijuana sottratte al mercato dai Carabinieri delle due caserme nicoteresi spesso in collaborazione con quelli di Joppolo e Limbadi, nonché con i “Cacciatori”, sale così ad oltre 14mila.

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Cosenza, operazione “Factotum”: false fatture per 9 milioni di euro e truffa ai danni della Regione Calabria e della provincia di Cosenza

I Finanzieri della Tenenza di Amantea hanno eseguito, in diverse regioni, un Decreto di sequestro  pari ad 1.613.338 euro , emesso dal Gip presso il Tribunale di Paola, Maria Grazia Elia, su richiesta della locale Procura, in relazione ad indagini coordinate dal Procuratore  Pierpaolo Bruni e dirette dal Sostituto Maria Francesca Cerchiara, nei…

Leggi tutto »

Valle d’Aosta, anche qui sequestrati beni alla ‘ndrangheta

Anche in Valle d’Aosta, nel comune di Quart, l’Agenzia nazionale dei beni confiscati alla criminalità organizzata è entrata in possesso di due appartamenti, autorimesse e terreni, confiscati a Giuseppe Nirta, 64 anni, e ai suoi familiari. Nella mattinata di oggi si è regolarmente svolto lo sfratto, con gli stessi Nirta che hanno…

Leggi tutto »