MediterraneiNews.it

Questione di fede. Cristo o Anticristo: per chi, inconsapevolmente, stai tifando?

Editoriale–

 Il tema è attuale non perché ci sia un dibattito in tal senso, stante la sventura di non avere più approfondimenti teologici in tal campo da essere recepiti nel mondo, ma perchè è in corso una omologazione da parte di un pensiero laico, ormai imperante, legato ad un modernismo che mira all’universalismo ecumenico, in una ammucchiata di fede, credo e religiosità nell’intento di creare una ingannevole unità nella diversità, che no vuole rispecchiarsi nella visione  Cristo-centrica della chiesa, ma in una visione con al centro l’uomo, con finalità panteistico-pagana. Diversa è invece la promozione dell’ecumenismo cattolico, in atto da parte della chiesa, che mira alla centralità del messaggio di Cristo per il dialogo interreligioso.

La Chiesa di Roma, è Una, Santa, Cattolica e Apostolica e sta portando avanti da oltre 2000 anni un progetto biblico, con la parte apocalittica della fine dei tempi, che mira alla creazione e maturazione delle condizioni socio-religiose per un Nuovo Ordine Mondiale guidato da Gesù Cristo, al centro di tutto, e basato sull’amore. Il tutto, viene particolarmente sintetizzato nell’invocazione della professione di fede del Credo. Nella Basilica di San Pietro a Roma, vi è un imponente trono incastonato nell’altare del Bernini, (in foto) che è vuoto, in attesa della discesa in spirito del figlio di Dio che, a suo tempo, per opera dello Spirito Santo, si era incarnato nel seno della Vergine Maria e si era fatto uomo.

La chiesa dell’Anticristo, invece, mira all’identico disegno della Chiesa Cattolica, ma con l’obiettivo furbesco, di mettere a capo non Gesù Cristo il Figlio di Dio bensì l’Anticristo il figlio di Satana. Quindi, l’Anticristo e il suo entourage stanno subdolamente lavorando per giungere all’usurpazione del trono di cristo, il tutto sotto la regia del vero suo padre, Satana, il demonio, il male, il subdolo, il lupo che veste i suoi fedeli e seguaci, da agnello. L’Anticristo è stato concepito scimmiottando le modalità di Gesù Cristo. Non da una Vergine ma da una sverginata; non per opera e virtù dello Spirito Santo, bensì durante un rituale satanico tra un uomo ed una donna, nel mentre ricevevano lo spirito immondo di satana che ne rivendica lo spirito del figlio e di quanti si sono prestati al suo nefasto disegno di concepimento.

Il progetto satanico è quello di creare, parallelamente, un similare progetto Cristico, nell’intento di fregare tutti facendo loro scacco matto, per sostituire il progetto Cristico dell’amore, portato avanti dalla chiesa cattolica, con un Nuovo Ordine Mondiale Anticristico portato avanti dalla chiesa di satana, basato sull’odio. A chi ha un minimo di lucidità mentale e saggezza spirituale, non v’è dubbio che la propria scelta tra i due progetti, debba ricadere sul progetto del Nuovo Ordine Mondiale Cristico. Invece, e non c’è da stupirsi, la scelta del Nuovo Ordine Mondiale Anticristico è molto gettonato da idioti e ambiziosi, che per bramosia di potere, hanno venduto l’anima ed il corpo a satana.

Ora analizziamo le due correnti di pensiero l’una  spirituale e l’altra antispirituale, chi le sostiene e come sono strutturate le singole organizzazioni terrene.

Nuovo Ordine Mondiale Cristico: Nuovo Mondo nell’Amore di Cristo

In primis la Chiesa Cattolica con sede in Vaticano, sostenuta da Istituti di vita consacrata religiosi e secolari, società di vita apostolica, nonché da organizzazioni di Laici canonicamente erette, istituti di istruzione ai vari livelli, Ordini Cavallereschi Vaticani del Santo Sepolcro, di Malta ecc. Poi vi sono le altre chiese cristiane ortodosse riconosciute dalla cattolica romana che si identificano nel primato di Pietro. Un particolare rilievo va dato anche alla Chiesa Ortodossa Russa che, per via del comunismo sovietico, è stata perseguitata nel secolo scorso ed oggi ha una sua autonomia, con buone relazioni con Roma, tanto da essere stata definita, insieme a quella cattolica, il secondo polmone del cristianesimo. Poi vi sono innumerevoli altre organizzazioni di ispirazione cattolica, seppur non erette canonicamente, ma riconosciute dai singoli Stati, tra queste associazioni semplici, onlus, ong, ecc.

Nuovo Ordine Mondiale Anticristico: Nuovo Mondo nell’Odio di Satana. 

In primis la Chiesa di Satana, assurdamente riconosciuta ed operante. Le varie chiese cristiane non riconosciute, eretiche e scismatiche. Poi a seguire vari organismi falsamente filantropici, altri di natura esoterico-rituali che, tolta la pace dei buoni, leggasi ingenui, sono strumenti utilizzati per perpetrare l’inganno su base mondiale, vittime anche loro dei vari lupi travestiti da agnello, utili a realizzare il progetto satanico necessario e propedeutico per creare le condizioni necessarie, per la presentazione al mondo, dell’Anticristo.

Due progetti che, in democrazia, hanno entrambi il diritto di esistere, atteso che l’uomo può, per suo libero arbitrio, scegliere se vivere nell’amore Cristico o nell’odio Anticristico, in un disegno biblico che li raffigura entrambi e che quindi, li legittima nella storia del genere umano. La differenza non sta nel sentirsi partecipi alle varie puntate della fiction apocalittica descritte nei singoli capitoli delle sacre scritture, ma nella sceneggiatura completa, nel suo finale di un film biblicamente tragico ma con un finale escatologico di speranza, che vede, in uno scontro finale apocalittico, il trionfo totale di Cristo sull’Anticristo, su Satana e tutto il suo male diffuso.

Oggi l’inganno satanico, si nasconde nel “Lupo travestito di Agnello”. Cioè in un uomo subdolo e falsamente buono, altamente rappresentativo ed apicale, attesa la partita planetaria in gioco, che occupa abusivamente un posto o più posti, alfine di ingannare il popolo cattolico e farlo cadere nel gioco malvagio dell’Anticristo, tanto ingannevole e ben architettato, da presentarlo prima come il Cristo, per poi attirare tutti a se fidelisticamente e quindi, distruggerli dopo l’inflizione di pene infernali, perché per satana, non dimentichiamolo, noi siamo figli di Dio ed essendo tali, per lui, siamo tutti da trasferire all’inferno.

Questo è il suo disegno diabolico, ma come ben dice un antico detto, “il diavolo sa fare le pentole, ma non i coperchi”, ed un altro detto ancora afferma emblematicamente che “ha fatto i conti senza l’oste”…Ebbene aldilà del finale del film biblico che vede Cristo vittorioso sostenuto dalla preghiera dei fedeli, vi è una partita che va giocata non da spettatori bensì da attori. Quello che molti non si rendono conto è che invece chi più e chi meno, siamo i veri attori e protagonisti di questo tempo tragico, che chiude l’epoca dei cent’anni annunciata a Fatima nel 1917.

Siamo tutti partecipi in una Matrix globale che ci ha avvinghiato, spogliando l’uomo debole, lentamente, dalle sue radici familiari, tradizioni locali, usi, costumi, culture, abitudini, per essere proiettato nella visione di una globalizzazione imposta, inculcando un nuovo umanesimo che pone l’uomo al centro del creato e non Dio, un uomo padrone di se e libero di abusare in maniera stupefacente, del suo se, alterando la sua mente, la sua sensorialità, la sua esistenza, una mente drogata che vive nel virtuale più che nel reale. Un essere dipendente dagli altri senza più la sua autonomia e lucidità di giudizio che ne facevano un uomo libero e forte.

Adesso guardando il film, nella fase finale, sappiamo che ci verrà presto servito, su un piatto d’argento, l’Anticristo prossimo all’anno del compimento dei suoi 33 anni che cadranno nel 2018. Il padre umano dell’Anticristo, pur di inseguire il sogno di vederlo trionfante sul trono del mondo, da anni si sta svenato per miliardi e miliardi di denari investendo finanziando, comprando e corrompendo i potenti di ogni nazione, finanziando per i suoi secondi fini Ong, Fondazioni e associazioni di ogni tipo, pronte a ricambiare il favore di riconoscere a tempo debito il figlio come l’uomo giusto delle nazioni, capo, benefattore e generoso filantropo. Poi, il padre, passerà all’incasso del riconoscimento spirituale di suo figlio, in virtù del supporto dato a livello planetario, al sostegno globale e promozione dell’ecumenismo e dell’universalità della fede, per arrivare a creare una unica religione mondiale, che annullerà le altre rimaste.

Xela, questo è il nome terreno dell’Anticristo, frutto dell’intuizione di una sofisticata ricerca di Teo-Intelligence e con una analisi altamente sofisticata, – ci racconta un esperto che chiede l’anonimato – svolta ai massimi livelli spirituali, effettuata con tecniche che sono il frutto dell’esperienza secolare tramandata tra ai lavori di ricerca spirituale. Presto vedremo scendere in scena l’Anticristo in questo tempo, dapprima come filantropo, uomo di pace, ecologista, naturalista, vegetariano, per poi pian piano vestire i panni spirituali del falso Cristo, con falsi miracoli e falsi prodigi di natura satanica, – come raccontano le sacre scritture, – sostenuto e consacrato nel suo inganno spirituale dal “Falso Profeta” biblico, vero ruolo di Giuda cristiano degli ultimi tempi. Se la profezia non la si fa adempiere, intervenendo umanamente, si corre il rischio di offrire un’arma di ulteriore inganno al nemico, potendo egli affermare che così non adempiendosi le profezie, vengono smentite le sacre scritture.

Lasciamo che il film biblico-apocalittico si completi in ogni sua fase e, quando arriveremo al suo finale, nel mentre scorreranno i titoli di coda, assisteremo al compimento della tanto agognata profezia, con il Cristo che ritorna tra le nuvole mentre sventola la bandiera con la scritta” Victoria Est”…

Buona visone a tutti…

 

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Si rinnova a Reggio calabria il progetto “Chiese aperte”.

L’Arcidiocesi di Reggio Calabria-Bova, attraverso l’Ufficio beni culturali, promuove dal 2013 il Progetto Chiese Aperte, rivolto a volontari associati impegnati in iniziative di custodia, tutela e valorizzazione degli edifici di culto di rilevante interesse storico. Giunto alla sua quinta edizione, l’intervento, finanziato con il contributo 8×1000 alla Chiesa Cattolica e…

Leggi tutto »

Fine Vita : “Grati al Papa che riafferma la tutela della vita. Contrarietà all’accanimento non è un “sì” all’eutanasia”– Gandolfini (Family day)

Massimo Gandolfini, presidente del Comitato promotore del Family day, commenta le lettera del Santo Padre alla Pontificia Accademia per la Vita: “Siamo grati al Santo Padre per aver ribadito i cardini della dottrina cattolica sul tema etico del cosiddetto “fine vita”. Ogni accanimento terapeutico, oltre che essere un errore dal…

Leggi tutto »