MediterraneiNews.it

Fatta la Legge regionale sulla Dieta Mediterranea ora si punti ad una Nicotera città della salute e della cultura mediterranea”.

nicotera
L’anno prossimo, saranno trascorsi 15 anni da quando un articolo apparso sul Corriere della Sera tirò fuori dalle secche dell’oblio – figlio del tempo e nemico della verità – la storia dello Studio dei Sette Paesi e del ruolo che Nicotera, seppur casualmente, ebbe in quella vicenda, che segnò dal punto di vista storico e scientifico, l’inizio del processo di riscoperta di un modello alimentare oggi apprezzato in ogni parte del mondo. Vicenda della quale pochi, a quel tempo, ormai sapevano, e che mi domando come mai nessuno fino ad allora aveva cercato di recuperare e valorizzare.
Quindici anni in cui molto si sarebbe potuto fare se si fosse capito l’inscindibile nesso che unisce questo stesso regime alimentare con l’ambiente, la salute, il turismo e perche no, anche con la cultura del nostro popolo. Quello stesso popolo la cui appartenenza non è un “difetto di fabbrica” da cui purificarsi ma, piuttosto, un vanto di cui fregiarsi.
La città infatti, già il giorno dopo quella “ri-scoperta” avrebbe dovuto mettere al centro della sua progettualità la vicenda della Dieta mediterranea non attardandosi in vuote autocelebrazioni ma coordinando e disciplinando ogni sforzo, ogni volontà, ogni energia dando vita ad uno sommovimento lento ma costante che, traendo spunto da questa vicenda, la utilizzasse per avviare un percorso di rinascita e di sviluppo.
Il Comune di Nicotera, in primis, già da anni, avrebbe dovuto inserire la vicenda nella propria piccola “carta costituzionale” – lo statuto comunale – per darle un primo piccolo riconocimento e dare vita da una “Istituzione” che guidasse il necessario e unitario processo di governance. Un’Istituzione che – aperta al contributo di associazioni e di privati – avrebbe dovuto da subito cercare di ottenere il giusto riconoscimento non ad un ente, come poi purtroppo si è fatto, che ormai si apprestava ad incamminarsi sulla strada del tramonto cioè la piccola provincia di Vibo ma l’ente che la costituzione stessa – specie dopo la riforma costituzionale del 2005 – pone al centro del sistema e cioè la Regione Calabria. Quella stessa Regione che sola ha le risorse e i contatti per avviare le dovute misure e iniziative e che invece è stata investita della questione solo nel 2012-13.
Il Comune di Nicotera – così supportato dalla Regione – si sarebbe potuto porre l’obiettivo di diventare una vera e propria Città della salute e della cultura mediterranea – attraverso il varo di tutta una serie di misure e inziative: a) la realizzazione di un PSC che sancisse la fine dell’assurdo consumo di territorio che sottrae terreno agricolo prezioso; b) la lotta ad ogni forma di inquinamento a cominciare da quello marino; c) la tutela del poco verde rimasto e la creazione di nuovi spazi verdi; d) l’avvio della raccolta differenziata; e) la realizzazione di un serio piano volto all’installazione, quantomeno negli edifici pubblici, di fonti di energia altermativa; e) l’avvio di un serio piano di ripascimento delle spiagge; f) la creazione di un mercato agricolo di prodotti a km zero; g) la valorizzazzione di tutte le attività del comparto agricolo del comprensorio; h) l’avvio di progetti di educazione alimentare con e nelle scuole; i) l’avvio di campagne di monitoraggio della salute dei cittadini in stretta cooperazione con l’ASP, con particolare riguardo a bimbi e a anziani; l) l’utilizzo del plesso ospedaliero cittadino per allocarvi un Centro per lo studio delle patologie legate all’alimentazione; m) uno sforzo teso a persuadere i ristoratori locali a offrire menù basati solo sul modello alimentare mediterraneo; n) la valorizzazione di percorsi educativi che ponessero in evidenza il rapporto tra sport e salute con il coinvolgimento delle società sportive locali e del CONI; o) la valorizzazione dei luoghi che furono la suggestiva cornice dello Studio dei Sette paesi e quindi di quel nostro centro storico che – assieme al varo di alcune necessarie infrastrutture viare e del porto – poteva configurare il nostro come un vero e proprio “paese albergo” e meta turistica di richiamo; p) dei gemellaggi con le realtà interessate dallo Studio dei Sette Paesi; r) l’avvio di un serio piano di marketing territoriale che facesse perno sul marchio “Nicotera – dieta mediterranea”. E vi è da chiedersi come invece avrebbero sfruttato la cosa, se lo Studio dei Sette Paesi, si fosse tenuto in località turistiche come Tropea, Pizzo calabro, Diamante, Roccella, ecc.
Di tutto questo, per tantissimi anni, poco (il PSC ad esempio e per fortuna) o nulla invece si è fatto, molto spesso non per mancanza di buona volontà ma perchè la progettualità si è dispersa in mille rivoli o affidata ad una pluralità di soggetti come spesso accadde in Italia, e quando invece qualcosa si è fatta, la si è ostacolata o distrutta. Quando invece, commentatori di certo più autorevoli di me, hanno posto in evidenza proprio, come oggi, il 61% di coloro che prenotano un viaggio o una vacanza sono condizionati nella scelta proprio dalla presenza di risorse ambientali, culturali e enogastronomiche.
In tutto questo si è poi per fortuna inserito il privato – anche se sarebbe meglio dire “un” privato citadino – che attraverso la costituzione dell’Accademia della Dieta Mediterranea di Nicotera – senza usufruire di nessuna risorsa pubblica, ma anzi rimettendoci in tempo e denaro, ha quantomeno provveduto a mantenere alta l’attenzione sul tema, ha evitato l’esproprio definitivo che i comuni del Cilento (evidentemente più furbi e organizzati di noi) si apprestavano a compiere ai danni della città dove invece (da noi e non da loro dice la storia) lo Studio dei Sette Paesi si è tenuto, ha saputo mantenere i contatti con la comunità scientifica – a cominciare da quelli con il prof. Nino De Lorenzo e il prof Gabriele Sganga rispettivamente Presidente Onorario e presidente della commissione sanità dell’Accademia stessa – si è messo di buona lena ad organizzare eventi e ha premuto per l’istituzione di una legge regionale ad hoc, nonchè si è attivato, presso l’Unesco, affinchè questa dia un riconoscimento specifico all’apporto di Nicotera nella vicenda storico-scientifica dello Studio dei Sette paesi stesso. E assieme all’Accademia vanno fatti degli elogi ai singoli esponenti del mondo politico e associazionistico locale che con dichiarazioni, idee e inizative, si sono anch’esse battuti, su questo tema, per riaffermare il ruolo di Nicotera. Così come un grazie sincero va rivolto al Presidente Oliverio, e ai consiglieri regionali Michele Mirabello e Orlandino Greco – un vibonese e un cosentino – senza i quali l’iter della legge forse non sarebbe neanche giunto a compimento.
Accademia che di recente, con grande disponibilità ed entusiasmo, ha compreso l’importanza di aprirsi e arricchire la propria offerta dando vita ad un Club che associa i ristoratori e grazie al quale abbiamo potuto vedere, per la prima volta e a prezzi contenutissimi, nei ristoranti locali, dei menù interamente strutturati sui piatti della Dieta mediterranea e ad un Centro Studi che racchiude figure del mondo culturale e dell’associazionismo vibonese e nicoterese di elevato spessore e spiccato impegno civico che si sta rapportando con realtà come il Sistema Bibliotecario Vibonese, le Università, ecc
La legge approvata intanto ha due buoni aspetti: a) il primo è che stanzia delle risorse – 360.000 euro in un triennio – e che può essere utilizzata per arrivare a reperirne delle altre, tramite progetti mirati che attragano investimenti o fondi comunitari; b) istituisce un Osservatorio con sede a Nicotera, con un consiglio direttivo composto da tre membri, di cui uno nominato dal Presidente della Giunta Regionale con funzioni di Presidente, uno nominato dal Consiglio regionale e uno nominato dal Consiglio comunale di Nicotera. Questo Consiglio direttivo sarà assistito da un un Comitato Scientifico di esperti che opereranno a titolo gratuito – di cui un rappresentante della Facoltà di Agraria di Reggio Calabria; un rappresentante delle Facoltà di Medicina di Catanzaro; un rappresentante della Camera di Commercio regionale; un rappresentante della Confederazione Nazionale dell’ artigianato e della piccola e media impresa; un rappresentante dell’UNESCO; un rappresentante di confindustria regionale e un designato dall’Accademia Internazionale della Dieta Mediterranea – che rappresentano quegli enti che hanno un interesse concreto nello sviluppo di una seria progettualità. E c’è da auspicare che ora il Comune, potendo contare sulla sensibilità istituzionale dei commissari che lo guidano,  fornisca e in tempi brevi, al neonato organismo, una degna sede.
Questa legge è sicuramente migliore della precedente del 2013 che costituiva “un gruppo di lavoro interdipartimentale, composto da personale di ruolo dei Dipartimenti Tutela della Salute, Formazione e Lavoro, Cultura e Pubblica Istruzione ed Agricoltura, Foreste e Forestazione” attivo però solo fino al 31/12/2014, una non meglio specificata Fondazione con sede a Nicotera e 180.000 euro di finanziamento pur riconoscendo la stessa Nicotera “quale comune elettivo della dieta mediterranea” cosa peraltro anacronistica – la solita “bandierina” – visto che la Dieta mediterranea è ormai patrimonio dell’umanità.
Ovviamente ci sarà sempre qualcuno che dirà che è troppo poco. A costoro, in amicizia, e nello spirito di amor loci che ci dovrebbe unire, dico “Prendiamoci questo (non) poco e rinvigoriti dal suo
prezioso apporto, iniziamo ora la lotta per il Tutto !!!!
Il resto ora lo dobbiamo fare pure noi nicoteresi, perchè il legislatore può fare le leggi ma siamo anche noi , con i nostri comportamenti individuali e collettivi a dover dare vita a quella “Città della salute e della cultura mediterranea” che è – per storia, bellezza e risorse – un obiettivo realistico e raggiungibile.
E sopratutto non aspettiamo altri quindici anni per muoverci, perchè il paese questo tempo, oggettivamente – sic stantibus rebus – non lo dispone.
Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Immigrati…e licenziati al porto

Pino Macino, da Pupari & Pupi Sentire parlare di 12.000 persone al giorno salvate e sbarcate  in Italia non è una buona notizia. Non lo è in Calabria, dove la Gente chiede un lavoro e riceve lettere di licenziamento, non lo è a Gioia Tauro che dovrà affrontare le pesanti…

Leggi tutto »

Domani a Lorica al via il progetto “Palestre a cielo aperto”.

Parte domani, 8 luglio, da Lorica, il progetto di valorizzazione turistica dei Parchi nazionali della Calabria “Palestre a cielo aperto-1° trofeo remiero”, patrocinato dalla Regione. Si partirà con la regata alle ore 10.30 e la conclusione della competizione è prevista per le ore 13.30, con la presenza del Presidente della…

Leggi tutto »