MediterraneiNews.it

L’Unione Europea ha rafforzato la politica di sicurezza e difesa comune.

Si muove finalmente qualcosa sul fronte della difesa comune europea dopo la sottoscrizione nei giorni scorsi del  progetto di cooperazione, noto come PESCO, previsto dal Trattato di Lisbona, ma per quasi un ventennio è rimasto una disposizione non attuata degli accordi.

L’accordo in sostanza prevede numerosi impegni vincolanti tra cui l’istituzione di un fondo di 500 milioni di euro all’annuo per finanziare progetti di ricerca comuni per lo sviluppo di tecnologie avanzate nel settore della difesa e della sicurezza, l’aumento delle spese militari – in termini reali e non solo relativi al PIL – e la  creazione di una forza di reazione rapida europea.

Sarà ora, il Consiglio Affari esteri dell’11 dicembre prossimo ha sancire la definitiva istituzione della PESCO. Per il momento vi hanno aderito tutti gli stati dell’UE tranne Irlanda, Portogallo, Danimarca e Malta anche se le diplomazie sono al lavoro per recuperare.

 

 

 

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Gran Bretagna al voto ma è “Hung parliament” (Parlamento appeso).

Se la premier conservatrice britannica Theresa May aveva convocato queste elezioni generali per avere una maggioranza più forte come le promettevano quasi tutti i sondaggi – almeno fino a pochi giorni fa – anche con l’obiettivo di negoziare con Bruxelles la cosidetta “hard Brexit” cioè una uscita della Gran Bretagna…

Leggi tutto »

Vibo: Prefetto convoca riunione straordinaria di coordinamento delle forze di polizia.

Il prefetto di Vibo Valentia Guido Longo ha convocato per la serata odierna una riunione tecnica straordinaria di coordinamento delle forze di polizia. La riunione si è resa necessaria a seguito dell’intensificarsi di attentati ed atti intimidatori verificatisi in questi ultimi giorni in alcuni centri della provincia, non ultimo il gravissimo attentato…

Leggi tutto »