MediterraneiNews.it

L’Unione Europea ha rafforzato la politica di sicurezza e difesa comune.

Si muove finalmente qualcosa sul fronte della difesa comune europea dopo la sottoscrizione nei giorni scorsi del  progetto di cooperazione, noto come PESCO, previsto dal Trattato di Lisbona, ma per quasi un ventennio è rimasto una disposizione non attuata degli accordi.

L’accordo in sostanza prevede numerosi impegni vincolanti tra cui l’istituzione di un fondo di 500 milioni di euro all’annuo per finanziare progetti di ricerca comuni per lo sviluppo di tecnologie avanzate nel settore della difesa e della sicurezza, l’aumento delle spese militari – in termini reali e non solo relativi al PIL – e la  creazione di una forza di reazione rapida europea.

Sarà ora, il Consiglio Affari esteri dell’11 dicembre prossimo ha sancire la definitiva istituzione della PESCO. Per il momento vi hanno aderito tutti gli stati dell’UE tranne Irlanda, Portogallo, Danimarca e Malta anche se le diplomazie sono al lavoro per recuperare.

 

 

 

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Test elettorale in Finlandia: Conservatori primo partito, boom dei Verdi e crollo della estrema destra.

Il secondo importante test elettorale dell’anno dopo le elezioni politiche in Olanda, che ha riguardato il rimnnovo di tutte le amministrazioni comunali in Finlandia, registra una nuova batosta per l’estrema destra che – ancora una volta – quando si trova alla prova del governo, non riesce a mantenere le promesse…

Leggi tutto »

20 anni dalla morte di Lady Diana. Quando visitò Mosca incontrò i bimbi malati e vittime di incidenti.

Quando Lady Diana visitò Mosca e si sedette a terra con i bimbi malati. Era il 1995, due anni prima del tragico incidente di Parigi in cui perse la vita. Arrivò in Russia per le attività umanitarie in cui era impegnata, e la sua dolcezza e tenacia colpirono tutti. Quel…

Leggi tutto »