MediterraneiNews.it

Presidenziali in Cile: ballottaggio a dicembre ma è avanti il centro-destra.

Saranno Sebastián Piñera Echenique della coalizione quadripartita di centro destra “Chile Vamos” e Alejandro Guillier Álvarez della coalizione della sinistra riformista “La Fuerza de la Mayoría” (che raggruppa il Partito Socialista, il Partito democratico, e altre formazioni) a contendersi la carica di Presidente del Cile lo stato sudamericano i cui cittadini, domenica scorsa, sono andati alle urne per rinnovare anche il Parlamento bicamerale.

Piñera ha infatti ottenuto il 36.64% dei voti contro il 22.7% di Guillier Álvarez. Resta ora da vedere come si orienteranno gli elettori dei candidati rimasti fuori dal secondo turno a cominciare da quelli che hanno appoggiato Beatriz Sánchez Muñoz della coalizione della sinistra radicale Frente Amplio – terza con il 20.3% dei consensi – dell’indipendente José Antonio Kast Rist (che ha ottenuto il 7.9%) seguiti poi da Marco Enríquez-Ominami Gumucio (5.9%) del Partito Progressista e di Carolina Goic Boroevic, candidata dalla Democrazia cristiana, che ha ottenuto il 5.8%.

Intanto alla Camera dei deputati il centrodestra cileno con il 38.6% dei voti sfiora la maggioranza ottenendo 73 dei 154 seggi in palio mentre la coalizione di centrosinistra – con il 24.05% – ne consegue 43, i cristianodemocratici – con il 10.28% – 13, gli ambientalisti – con l’1.92% 4, i progressisti – con il 3.93% 1 e la coalizione della sinistra radicale – con il 16.5% – 20.

 

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Inascoltato l’esperto analista di Intelligence Prof. Mario Caligiuri: “Contro il terrorismo occorre una grande sinergia tra cyber-intelligence e human-intelligence”

Occorrono, per altro, “meccanismi di selezione delle informazioni, che colleghino, da un lato, le capacità delle tecnologie, per estrarre e a raccogliere fonti e quantità d’informazioni sempre maggiori, ma, dall’altro, occorre la capacità di filtrare queste informazioni, e, soprattutto, di interpretarle per tempo. Occorre altresì, una grande sinergia tra cyber-intelligence…

Leggi tutto »

La prima telefonata tra Putin e Trump

In una telefonata durata 45 minuti, la prima da quando il Presidente Usa si è insediato alla Casa Bianca, Putin e Trump hanno concordato di avviare contatti regolari tra i due Paesi, incaricando i propri collaboratori di organizzare prossimamente un faccia a faccia. Lo ha riferito l’ufficio stampa del Cremlino….

Leggi tutto »