MediterraneiNews.it

Presidenziali in Cile: ballottaggio a dicembre ma è avanti il centro-destra.

Saranno Sebastián Piñera Echenique della coalizione quadripartita di centro destra “Chile Vamos” e Alejandro Guillier Álvarez della coalizione della sinistra riformista “La Fuerza de la Mayoría” (che raggruppa il Partito Socialista, il Partito democratico, e altre formazioni) a contendersi la carica di Presidente del Cile lo stato sudamericano i cui cittadini, domenica scorsa, sono andati alle urne per rinnovare anche il Parlamento bicamerale.

Piñera ha infatti ottenuto il 36.64% dei voti contro il 22.7% di Guillier Álvarez. Resta ora da vedere come si orienteranno gli elettori dei candidati rimasti fuori dal secondo turno a cominciare da quelli che hanno appoggiato Beatriz Sánchez Muñoz della coalizione della sinistra radicale Frente Amplio – terza con il 20.3% dei consensi – dell’indipendente José Antonio Kast Rist (che ha ottenuto il 7.9%) seguiti poi da Marco Enríquez-Ominami Gumucio (5.9%) del Partito Progressista e di Carolina Goic Boroevic, candidata dalla Democrazia cristiana, che ha ottenuto il 5.8%.

Intanto alla Camera dei deputati il centrodestra cileno con il 38.6% dei voti sfiora la maggioranza ottenendo 73 dei 154 seggi in palio mentre la coalizione di centrosinistra – con il 24.05% – ne consegue 43, i cristianodemocratici – con il 10.28% – 13, gli ambientalisti – con l’1.92% 4, i progressisti – con il 3.93% 1 e la coalizione della sinistra radicale – con il 16.5% – 20.

 

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Il socialdemocratico Frank-Walter Steinmeier, ex ministro degli Esteri tedesco, è stato eletto presidente della Germania ricevendo 931 voti su 1.253. Un uomo molto popolare che sui populisti la pensa in maniera molto chiara affermando che: “le loro urla non hanno niente a che vedere con la forza che cercano d’avere”. Steinmeier,…

Leggi tutto »

Nuova crisi in Siria e Trump minaccia di colpire duro.

Ancora venti di guerra in Medio Oriente. Dopo il bombardato effettuato dalle forze governative siriane di Assad e la replica – durissima almeno dei toni – del Presidente americano Donald Trump. Un massacro che sembra non avere fine quello siriano e che ha suscitato anche le proteste del vicino –…

Leggi tutto »