MediterraneiNews.it

Russia. Poster ufficiale dei Mondiali di calcio 2018: raffigura il leggendario Lev Jashin

Il portiere dell’Urss resta il più grande calciatore sovietico e russo di tutti i tempi

Il poster ufficiale del Campionato del mondo di calcio Fifa 2018, che si terrà in Russia dal 14 giugno al 15 luglio prossimo (qui il nostro speciale sulla competizione), è stato presentato a Mosca il 28 novembre. Raffigura il più famoso calciatore sovietico di tutti i tempi, l’ineguagliabile portiere Lev Jashin (1929-1990), che ha difeso i pali della nazionale sovietica dal 1954 al 1970 con parate leggendarie. Con la maglia dell’Urss giocò 74 partite, subendo 68 gol e vinse le Olimpiadi di Melbourne 1956 e il Campionato d’Europa del 1960 in Francia (quattro anni dopo, in Spagna, mise al collo invece l’argento, dopo la sconfitta per 2-1 in finale contro i padroni di casa).

Jashin era una stella internazionale, conosciuto un tutto il mondo, ed è stato votato come miglior portiere del XX secolo sia dalla Fifa che dalla Iffhs (l’International Federation of Football History & Statistics; la Federazione Internazionale di Storia e Statistica del Calcio). “Non abbiamo avuto esitazioni al momento della scelta”, ha detto Vitalij Mutko, vicepremier russo e presidente della Federcalcio russa, nel corso della cerimonia di presentazione del poster. La prima copia del nuovo poster con Jashin è stato consegnato all’attuale portiere della nazionale russa e del Cska di Mosca, il trentunenne Igor Afinkeev. “Jashin è stato un grande portiere, è un onore per me”, ha detto l’attuale numero uno. “Sarei felice se potessi essere vicino al suo livello”..

Fonte:BRTH

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

La Cina potrebbe ancora una volta sostituire la Russia come principale avversario degli Stati Uniti?

Sotto Trump, la Cina potrebbe ancora una volta sostituire la Russia come principale avversario degli Stati Uniti 15 Novembre 2016 SERGEI STROKAN , MAXIM YUSIN , KOMMERSANT Fonte www.rbth.com Il cambiamento imminente nella politica statunitense modificherà i rapporti di Washington con il mondo, con le promesse di Donald Trump per ottenere…

Leggi tutto »

Papa Francesco. Trump e Hitler: il paragone che non c’è

Critiche pretestuose  “Mi sembrano critiche del tutto pretestuose quelle rivolte a Papa Francesco, per una sua presunta equiparazione fra Trump ed Hitler, espressa nell’intervista al quotidiano spagnolo El Paìs”. Ad affermarlo è Massimo Borghesi, docente di filosofia morale all’Università di Perugia. “Il Papa, in quell’intervista non ha per nulla voluto…

Leggi tutto »