MediterraneiNews.it

Per i Carabinieri del Comando provinciale di Crotone indagini in corso e arresti

I Carabinieri del Comando di Crotone hanno svolto importanti operazioni in provincia.

A Isola Capo Rizzuto, nel corso della notte, i carabinieri della locale Tenenza e quelli della Stazione di Cutro,  unitamente al personale dei Vigili del Fuoco di Crotone, sono intervenuti in Piazza Fiume Neto per l’incendio di due autovetture  proprietà di un autotrasportatore di 48 anni e di un falegname di 37 anni. Sono in corso indagini dei militari dell’Arma locale.

Crotone, i militari dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Crotone hanno eseguito un provvedimento di sottoposizione alla detenzione in carcere emesso a carico di F. G., 28enne. Il provvedimento è scaturito dalla violazione delle prescrizioni derivanti dalla misura alternativa della detenzione domiciliare, alla quale era sottoposto, dovendo espiare una pena per cumulo di reati di detenzione e cessione illecita di sostanze stupefacenti, rissa, lesioni personali, violenza, minaccia ed oltraggio a P.U., danneggiamento, ricettazione, violazione sulle norme delle armi, violazione in materia urbanistica e guida in stato di ebbrezza, commessi a Crotone tra gli anni 2010 e 2015. Dopo le formalità di rito è stato tradotto presso la Casa Circondariale di Crotone. Sono stati arrestati, inoltre, D. M. di 53 anni e L. S. di 26 anni per furto aggravato in concorso. Nella fattispecie, i militari operanti, nel corso di un servizio di controllo del territorio, nei pressi della fabbrica denominata “Kroton Gress 2000 Industriale Ceramiche Srl”, ubicata in località Zigari ed attualmente in custodia giudiziale per procedura fallimentare, hanno sorpreso D. M., intento ad asportare numerosi armadietti metallici. L’altro malvivente, alla vista dei militari, si è dato a precipitosa fuga ma, grazie all’intervento di altri militari,  è stato rintracciato nei pressi del centro commerciale “Le Spighe”, dove aveva tentato di nascondersi. La merce, interamente recuperata, è stata restituita all’avente diritto. Gli arrestati, su disposizione dell’ A.G., sono stati posti agli arresti domiciliari in attesa dell’udienza di convalida.

A Petilia Policastro, i carabinieri della locale stazione hanno arrestato un manovale di 36 anni, dando esecuzione ad un provvedimento di carcerazione emesso dalla  Procura Generale presso la Corte d’Appello di Catanzaro. Lo stesso, già sottoposto al regime degli arresti domiciliari, è stato riconosciuto colpevole dei reati di “concorso in associazione a delinquere di tipo mafioso finalizzata a rapine, estorsioni e danneggiamenti commessi nel periodo tra il 2007 ed il 2013, nell’ambito dell’attività d’indagine “Filottete” condotta dal Reparto Operativo del Comando Provinciale Carabinieri di Crotone e diretta dalla Dda di Catanzaro contro la cosca “Comberiati”.  L’arrestato, espletate le formalità di rito è stato associato presso la Casa Circondariale di Catanzaro. Altresì, in località “Foresta”, i carabinieri della locale Stazione e quelli di Roccabernarda sono intervenuti in via Garibaldi, presso il Bar-Tabacchi “Carvelli Salvatore”, dove ignoti, nel corso della notte, hanno asportato circa 50 kg di tabacchi nazionali ed esteri nonché 1500 euro in contanti. Sono in corso indagini da parte della Compagnia di Petilia Policastro.

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Pizzo Calabro, sequestrato centro commerciale in costruzione

Sarebbero intervenuti dopo numerose segnalazioni giunte dai cittadini i carabinieri di Pizzo Calabro insieme ai colleghi del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Cosenza che, nella giornata di ieri, hanno eseguito un sopralluogo in un fabbricato di circa quattromila mq. destinato ad attività commerciale, in località bivio Angitola, scoprendo che si stava…

Leggi tutto »

Guardavalle (CZ), sequestrati beni per un valore di oltre 300 mila euro a Nicola Tedesco, vicino alla cosca “Gallace”

I Finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria, coordinati dal Procuratore della Repubblica di Catanzaro, Nicola Gratteri, e dai procuratori aggiunti, Vincenzo Luberto e Vincenzo Capomolla, hanno dato esecuzione a un provvedimento di sequestro di beni per un valore di oltre trecentomila euro, emesso dalla sezione Misure di Prevenzione del Tribunale…

Leggi tutto »