MediterraneiNews.it

Mesoraca, imprenditore sorpreso mentre prelevava massi da un alveo

I carabinieri forestali hanno sorpreso un uomo mentre prelevava grossi massi rocciosi dall’area del fiume San Antonio nel comune di Mesoraca. I conci servivano per realizzare un terrapieno in un’area poco distante. L’uomo è stato segnalato alla Procura della Repubblica per furto aggravato e violazione delle norme ambientali.

I militari in servizio di controllo del territorio disposto dal Gruppo carabinieri forestale Crotone hanno notato il muro di sostegno di un terrapieno, alto sino a circa 4 metri, in corso di realizzazione nel territorio del comune di Mesoraca, realizzato con grossi massi granitoidi.

Hanno voluto così verificare la provenienza dei conci rocciosi, assemblati a secco, aventi volume anche fino a circa 1, 2 m3.

Seguendo le tracce di un autocarro hanno individuato un uomo che con l’ausilio di un escavatore prelevava il materiale lapideo nell’area annessa all’alveo del fiume San Antonio.

L’uomo, un imprenditore del luogo di 38 anni, in seguito agli accertamenti, avviati dai militari intervenuti delle stazioni di Petilia Policastro e di Savelli, sarebbe risultato privo delle autorizzazioni previste per tale tipo di interventi.

L’attività illegale è stata bloccata e l’operatore è stato segnalato alla Procura della Repubblica per furto aggravato e invasione di terreno, essendo l’area interessata dal prelievo, di proprietà demaniale.

È stata integrata, inoltre, la violazione di norme di natura paesaggistica essendo le sponde fluviali tutelate per legge. Sono in corso ulteriori accertamenti volti ad acclarare eventuali altre responsabilità.

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Operazione “Pasqua protetta”, più di 4 milioni le uova di Pasqua sequestrate

Sequestrati dai finanzieri del Comando provinciale della Guardia di Finanza di Cosenza, nel corso di mirati interventi finalizzati a contrastare la vendita di prodotti nocivi, oltre quattro milioni e mezzo di uova pasquali decorative, destinate alla libera vendita, carenti dei contenuti informativi e pericolosi per i consumatori. I primi controlli sono…

Leggi tutto »

Giacomo Saccomanno, ex sindaco di Rosarno, scrive al presidente della commissione antimafia, Rosy Bindi, in merito alla legge sullo scioglimento dei consigli comunali

L’ex sindaco di Rosarno (RC), Giacomo Saccomanno, ha scritto in merito allo scioglimento dei consigli comunali, al presidente della Commissione Antimafia, Onorevole Rosy Bindi, in considerazione degli interventi comparsi sulla stampa in relazione alla possibilità di trovare una “terza via” tra scioglimento e archiviazione, con la nomina di una “commissione di affiancamento”…

Leggi tutto »