MediterraneiNews.it

La scuola primaria di Santa Domenica in Sila per la Festa dell’albero assieme a Legambiente e carabinieri.

Una “Festa dell’albero” insolita e riuscitissima quella dell’edizione 2017, che ha visto protagonisti i bambini della scuola primaria di Santa Domenica di Ricadi. Un appuntamento ormai fisso quello della “Festa dell’Albero” che, già da diversi anni vede gli alunni della scuola di Santa Domenica celebrare questa giornata assieme al Circolo Legambiente di Ricadi.

A differenza degli anni scorsi, però, quest’anno la Scuola, e i volontari del locale circolo di Legambiente hanno voluto raggiungere le verdi foreste della Sila, dove svettano imponenti alberi anche secolari, per fare osservare da vicino ai giovani studenti la maestosità dei boschi facendone scoprire le peculiarità ambientali e scientifiche.

La prima tappa è stato il centro visita del Cupone. Gli studenti sono stati condotti nei boschi dalle guide dei Carabinieri Forestali – Reparto per la Biodiversità di Cosenza, le quali, in un percorso mozzafiato, che ha catalizzato l’interesse dei ragazzi, hanno mostrato le varietà arboree presenti nell’area, soffermandosi sui tanti segreti del bosco. Un percorso, per alcuni versi magico, che ha portato anche a conoscere molti degli abitanti delle foreste a partire dal Lupo, che è il simbolo del Parco della Sila, ai cervi, ai daini, ai caprioli, ai rapaci, agli insetti e alle tante varietà di uccelli. Una lezione sul campo che ha stimolato la curiosità dei partecipanti i quali hanno potuto apprendere l’importanza degli alberi, necessari non solo per garantire la biodiversità ma anche per preservare i territori da frane e smottamenti. La visita del museo  è stata l’occasione per osservare da vicino le tante specie endemiche e la rappresentazione plastica di porzioni di habitat naturali. La visita del Museo Cites e del Museo del legno hanno poi consentito loro di apprendere quanto è importante preservare la natura.

Il percorso si è concluso presso la riserva naturale del Bosco di Gallopane – Giganti di Fallistro. Una porzione di foresta, preservata dai tagli indiscriminati che hanno caratterizzato l’immediato dopoguerra, dove vi sono molti alberi secolari che superano i quaranta metri di altezza. In conclusione della visita, all’ombra degli alberi monumentali, i bambini si sono cimentati in una recita che ha celebrato la bellezza e l’importanza degli alberi. Tra le canzoni e i racconti si è conclusa così una bella giornata di educazione ambientale che sicuramente rimarrà impressa nei ricordi dei giovani studenti. Si è passati, infatti, dalla teoria, che ha caratterizzato le edizioni degli scorsi anni e che ha visto, presso la scuola di Santa Domenica, protagonisti gli operatori dei Carabinieri Forestali unitamente agli insegnanti e ai volontari del circolo di Legambiente, alla visita dei boschi per mettere in pratica quanto già appreso.

Soddisfazione per l’esito dell’iniziativa è stata espressa dagli insegnanti che hanno condotto, unitamente ai volontari del Circolo di Ricadi, i bambini in questo percorso affascinante e di alta valenza educativa. Un’ attività che proseguirà anche nei prossimi mesi, per come dichiarato dalla fiduciaria del plesso di Santa Domenica, Anna Maria Pugliese, e dai rappresentanti di Legambiente Franco Saragò e Pino Schiariti i quali hanno già preannunciato altre attività da realizzare nel corso dell’anno scolastico. Le attività rientrano, infatti, in un protocollo d’ intesa tra  l’ Istituto Comprensivo di Ricadi, guidato dal Dirigente Genesio Modesti e il Circolo Legambiente di Ricadi.

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Tra quattro giorni il voto referendario a Ricadi. Ultimi appelli.

Ultimi giorni di campagna elettorale a Ricadi dove il 26 marzo i cittadini saranno chimati a pronunciarsi sul cambio del nome della città costiera del vibonese in Ricadi-Capo Vaticano. Tra gli ultimi appelli al voto per il fronte del Si registriamo quelli di Michele Garrì della rivista Terra Nostra, tra…

Leggi tutto »

Caligiuri, sulle orme di Cossiga. Il libro: Intelligence economica e guerra all’informazione. I Servizi Segreti, solo fuori dagli schemi tradizionali, diventano baluardo di sicurezza.

Tre esperti si confrontano su un unico tema: l’intelligence economica. Sono Giuseppe Gagliano, presidente del Cestudec (Centro studi strategici Carlo De Cristoforis) e collaboratore di numerose istituzioni culturali italiane e internazionali, Laris Gaiser, studioso di geopolitica di livello internazionale (è senior fellow presso l’Università della Georgia, membro dell’Itstime presso l’Università…

Leggi tutto »