MediterraneiNews.it

Joppolo, il gruppo di maggioranza espelle Mimmo Taccone

Mimmo Taccone, il consigliere comunale che dopo la morte del boss Totò Riina, su Facebook, aveva chiesto un minuto di silenzio, è stato espulso dal gruppo consiliare di maggioranza “Insieme per Ricominciare”.

“Nel confermare quanto già esternato in data 21 – affermano i componenti – e, successivamente, per come verbalizzato nella seduta consiliare del 27, il gruppo consiliare di maggioranza, a memoria di tutte le vittime della mafia e dalla parte di tutti i cittadini onesti che la combattono ogni giorno, ribadisce la propria mortificazione per il gesto del giovane consigliere comunale Mimmo Taccone”.

“Un’amministrazione comunale – proseguono – deve, invece, essere portatrice di principi moralmente sani e ineccepibili, deve tutelare l’integrità morale di tutta la cittadinanza, di tutte le donne e gli uomini perbene, deve per prima essere specchio di trasparenza, legalità ed irreprensibilità. Pertanto, preso atto che ad oggi, nonostante il reiterato quanto inascoltato invito alle dimissioni dalla carica di consigliere comunale, questa compagine lo espelle dal gruppo consiliare di maggioranza “Insieme per Ricominciare”.

Una nota scritta relativa alla decisione è stata recapitata al segretario comunale Filippo Potenza e al presidente del Consiglio comunale, Florinda Albino.

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Sanremo Villaggio dei Fiori: uno straordinario omaggio a De Andrè ha chiuso la stagione estiva.

Grandi applausi ieri sera per l’omaggio a Fabrizio De Andrè  con la cantante Marisa Fagnani, il giornalista Claudio Porchia e l’esperta di galateo, Barbara Ronchi della Rocca. Il concerto spettacolo ha chiuso la stagione estiva degli incontri culturali del Villaggio dei Fiori. “I Fiori di Faber” è un format collaudato…

Leggi tutto »

Joppolo, Siclari contesta i lavori sugli impianti elettrici

“E’ necessario far procrastinare i lavori sugli impianti elettrici in tempi di minori criticità salvaguardando , in tal modo, oltre ai legittimi diritti, l’integrità pubblica evitando che le fasce più deboli della popolazione, anziani, bambini, disabili, vengano catapultate in situazioni insostenibili al limite della decente vivibilità e che ne soffrano”….

Leggi tutto »