MediterraneiNews.it

A Brognaturo l’integrazione passa anche per lo sport grazie alla Cooperativa sociale “Stella del Sud”.

L’integrazione degli immigrati ospiti dei centri di accoglienza è una delle fasi operativi più difficili per i vari gestori.

Così la cooperativa sociale Stella del Sud che gestisce il centro “Lacina” a Brognaturo, per favorire l’integrazione ha deciso d’investire sullo sport e in particolare sul calcio. Approfittando dell’esperienza del direttore del centro Gregorio Marino, con un passato alle spalle tra i campi di calcio, si è deciso di promuovere la pratica sportiva ed il calcio. Tutti i ragazzi ospiti del centro d’accoglienza “Lacina” praticano lo sport e 5 di loro sono tesserati per la società sportiva San Nicola da Crissa che milita nel campionato di Terza categoria.

Anche per integrare questi 5 ragazzi, la cooperativa Stella del Sud ha deciso di sponsorizzare la squadra sannicolese. In questi primi mesi di attività, i ragazzi provenienti dall’Africa hanno già socializzato con chi già vive nelle Pre Serre. Lo sport è così diventato un punto d’incontro da un enorme valore sociale, poiché l’integrazione è sempre difficile in particolare in un paese straniero, dove il rischio isolamento è più frequente. Già in passato la cooperativa Stella del Sud, tra le sue attività ludico-ricreative aveva inserito la pratica sportiva, basti pensare al torneo di calcio a 5 sui campi messi a disposizione dell’albergo “Monti salute e sport” al quale stanno partecipando 6 squadre composte da 8 calciatori ciascuno la competizione, che ha avuto inizio nei giorni scorsi vede sfidarsi immigrati provenienti da varie nazionalità, in squadre miste e senza preferenza. Un modo per integrarsi in un paese nuovo dove il calcio è lo sport popolare e allo stesso tempo socializzare e promuovere la pratica sportiva. I partecipanti, stanno dimostrando un gran senso di disciplina e soprattutto solidarietà reciproca, con i risultati che sono passati in secondo piano.

“Le iniziative sportive promosse – dichiara il presidente della Stella del Sud Nicola Marchese mirano a favorire l’inserimento dei ragazzi che sono ospitati all’interno del nostro centro. Le risposte fino a oggi possono considerarsi eccellenti poiché i ragazzi attraverso il calcio sono entrati in contatto con il nostro mondo, come previsto dalle regole sui migranti. Possiamo ritenerci soddisfatti dei risultati, poiché vediamo l’impegno che ci mettono  e lo spirito sportivo che porta a migliorare le loro condizioni di vita nel centro”.

 

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Serra San Bruno. convocato il consiglio comunale per il 29 dicembre.

Il Consiglio comunale della Città della Certosa è stato convocato a Palazzo Chimirri, per giorno 29 dicembre alle 15.00. Al primo punto all’odg l’approvazione di una variazione di bilancio. A seguire la ratifica della delibera di giunta n. 176/2017. A seguire una lunga lista di “riconoscimenti di legittimità ai sensi…

Leggi tutto »

Serra san Bruno: sinergie in atto per valorizzare il turismo religioso.

Con delibera di giunta n. 121 del 20 luglio scorso l’amministrazione comunale di Serra San Bruno, guidata dal sindaco Luigi Tassone ha approvato il progetto denominato “Fede, storia, arte e natura” lungo la strada del cammino Mariamo”. Il progetto in questione è stato varato unitamente ai comuni di Dipignano, Gimigliano,…

Leggi tutto »