MediterraneiNews.it

Nicotera: le case invecchiano e un piano di riqualificazione urbana risolleverebbe le sorti dell’edilzia

nicotera

Più della metà del patrimonio abitativo della città di Nicotera ha mezzo secolo di vita. I dati si riferiscono ai 2191 edifici esistenti in città a Nicotera centro, Badia, Preitoni e Comerconi e quindi al netto di quelli che si trovano a Nicotera marina.

Trecentoventisei di questi immobili (15% del totale) risalgono addirittura a prima del 1919, mentre altri 382 (pari al 17% del totale) sono stati realizzati tra il 1919 e il 1945. Si tratta in pratica – in molti casi – di veri e propri ruderi ormai quindi, presenti sopratutto in alcune parti del centro storico cittadino.

Altri immobili potremmo classificarli come vetusti: si tratta delle 245 abitazioni (11% del totale) costruite tra il 1946 e il 1960 e delle 316 realizzate tra il 1961 e il 1970, che è il periodo, quest’ultimo, in cui Nicotera si dotò per la prima volta di un Piano di edificazione.

Un altra parte del patrimonio edilizio – quella realizzata nel periodo 1971-1990 – consta di 627 edifici pari al 29% del totale. Sono gli anni dell’urbanizzazione di intere nuove aree del territorio cittadino e di un attività edilizia molto consistente che invece di puntare sulla riqualificazione dell’esistente ha dato vita a nuovi quartieri. Dopo si assiste ad un crollo di nuove edificazioni: 192 tra il 1991 e il 2000 (9% del totale); 82 tra il 2001 e il 2005 (4% del totale) e appena 21 (1% del totale) dopo il 2005.

Cosa ci dicono dunque questi numeri? Sicuramente che la prima cosa da fare sarebbe quella di tentare di risolevvare il comparto edilizio cittadino – ridotto al lumicino – con una politica urbanistica che invece di puntare a nuovi edifici, di cui peraltro non se ne avverte la necessità stante il continuo e consistente calo della popolazione cittadina – miri alla riqualificazione del patrimonio immobiliare esistente. E nel farlo, doti la città di quei piani particolareggiati (piano del colore, piano di recupero del centro storico cittadino ecc) che puntino a rieducarci verso il “bello”, verso quell’armonia urbanistica che a Nicotera era la regola e non l’eccezione, come si può ancora oggi ammirare proprio nei quartieri storici che sono quelli dove si è conservata più intatta la tiplogia urbanistica della nostra Nicotera.

Scopriamo altri dati riferiti a Nicotera centro. Dei 1611 edifici adibiti a edilizia residenziale 693 edifici sono stati costruiti in muratura portante, 451 in cemento armato e 467 utilizzando altri materiali, quali acciao, legno o altro. Degli edifici costruiti a scopo residenziale 184 sono in ottimo stato, 762 sono in buono stato ma 619 (39%) sono in uno stato a dir poco mediocre e 46 (3%) giacciono invece in uno stato addirittura pessimo.

 

 

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Emergenza acqua potabile a Nicotera, “il disservizio sarà risolto in circa sei giorni”

“Ci auguriamo di poter superare questa situazione in cinque o sei giorni”. Ad affermarlo il segretario comunale, Vincenzo Calzona che vuole tranquillizzare i nicoteresi dopo la pubblicazione dell’ordinanza di divieto di utilizzo per il consumo umano dell’acqua potabile servita dalla rete idrica dell’acquedotto civico di Nicotera capoluogo e della frazione Comerconi…

Leggi tutto »

Sergio Floccari fa una importante donazione all’ospedale di San Marino.

Sergio Floccari si dimostra ancora una volta campione sul campo di gioco ma sopratutto campione nella vita. Lo dimostra la sua ultima buona azione – non certo la prima fatta dal campione nicoterese – che è tra i principali sostenitori della donazione fatta all’ospedale di San Marino: uno strumento digitale…

Leggi tutto »