MediterraneiNews.it

Alessandro Meluzzi lancia una ipotesi agghiacciante: “Cuore e fegato di Pamela mangiati in un rituale della mafia nigeriana?”.

L’ipotesi choc del professor Alessandro Meluzzi, sul corpo straziato della povera Pamela Mastropietro: il suo cuore e il suo fegato mangiati dagli spacciatori in un rituale della mafia nigeriana?

Le indagini della procura di Macerata non sono chiuse, ma sostanzialmente sono finite. Sostiene la procura che ad uccidere Pamela è stato un branco. Tre spacciatori nigeriani sui vent’anni che avrebbero dapprima tentato una violenza carnale e poi hanno ucciso la ragazza, ne hanno smembrato il cadavere e hanno provato a cancellare le tracce.

L’intervista di Crosetto al professor Alessandro Meluzzi, psichiatra, opinionista esperto presente in varie trasmissioni TV. In questa intervista Meluzzi ipotizza che Pamela, la ragazza uccisa e squartata a Macerata, dove attualmente figurano indiziati tre nigeriani, sia stata prima uccisa e poi sezionata con perizia tecnica da esperto: “Questo ci porta a pensare che la devastazione del suo corpo possa essere parte di un rito tipico della mafia nigeriana, come il cannibalismo rituale, il fatto che nel cadavere di Pamela sembra non ci siano il cuore e il fegato, ha come ipotesi più probabile, che quegli organi siano stati mangiati, in un tipico rituale della mafia nigeriana che in alcune regioni della nazione africana, venga praticato per acquisire forza e potere…” – prosegue Meluzzi, “Siamo difronte ad una criminalità terribile, la più potente del mondo peggio della mafia italiana” che si sta sottovalutando tragicamente.

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Compagno Papa…

Pino Macino, da Pupari & Pupi Il Papa è a Genova in mezzo ai lavoratori, alle difficoltà delle imprese, ai bisogni della Gente.E mentre a Taormina si consumano i miti ed i riti del potere mondiale….con il corollario delle passerelle guidate dalla bella  Melania Trump con lo spolverino costato 51.000…

Leggi tutto »

Joppolo, in fumo appartamento del centro storico

È successo dopo le 23. Nella casa di Antonio  Macchione, pensionato, classe 1933, tutti dormono. Improvvisamente le fiamme avvolgono minacciose il secondo piano dell’abitazione sita nella centrale piazza Tucci, alle spalle della chiesa madre, dove stanno dormendo lo stesso proprietario e un altro familiare. A dare l’allarme il nipote del pensionato che si…

Leggi tutto »