MediterraneiNews.it

Pizzo Calabro – grande successo per la prima giornata del Festival degli Erranti.

Nonostante le condizioni meteorologiche proibitive la prima giornata del Festival degli Erranti è stata un successo; il vento e la pioggia che da un paio di giorni spazzavano le strade di Pizzo non hanno impedito a un pubblico di appassionati di seguire con partecipazione e in maniera sempre più numerosa, mano a mano che la giornata procedeva, i lavori della manifestazione promossa da Kalabria Trekking che ha l’ambizione di raccontare il mondo dell’escursionismo calabrese e attraverso questo la bellezza e le bellezze della Calabria.

Nell’inaugurare la manifestazione presso il castello Murat, il sindaco Gianluca Callipo ha manifestato la volontà dell’amministrazione comunale da lui rappresentata di partecipare attivamente allo sviluppo di questo Festival, nella consapevolezza che una collaborazione concertata tra tutte le organizzazioni che si occupano di promozione culturale rappresenta il modo migliore per contribuire a far conoscere un territorio che ha tutte le potenzialità per crescere ancora.

Dopo i brevi e doverosi saluti da parte del presidente di Kalabria Trekking Lorenzo Boseggia e della direttrice artistica della manifestazione Maria Teresa Marzano il festival è entrato subito nel vivo col la presentazione di “Cammini e sentieri nascosti d’ Italia da percorrere almeno una volta nella vita” (Newton Compton, 2017) il libro col quale Stefano Ardito, un nome storico del giornalismo ambientalista, ha voluto mettere in evidenza il valore storico e culturale dei sentieri italiani: molti, oltre a offrire occasioni di movimento in mezzo a panorami mozzafiato sono veri e propri monumenti e dialogando con Francesco Bevilacqua, un’altra autorità in materia, Ardito ha tra le altre cose tracciato una storia del mondo escursionistico calabrese raccontandone gli esordi ( che hanno visto in qualche modo entrambi protagonisti) per concludere con uno sguardo sul futuro prossimo sottolineando, come faranno in seguito anche gli altri ospiti, l’importanza della collaborazione tra le varie associazioni di trekking e promozione non invasiva del territorio per creare una rete di servizi leggeri (il cui impatto sia cioè compatibile con la difesa del territorio); in questa ottica è stato molto interessante anche il dialogo tra Giuseppe Borrello di Libera Vibo Valentia e Antonietta Villella di Kalabria Trekking, durante il quale si è sottolineata la linea diretta che intercorre tra la salvaguardia del territorio e la lotta contro le mafie, visti in qualche modo come due momenti necessari di una promozione ecologica della vita.

Alle 18 la manifestazione si è spostata al Museo della Tonnara, splendidamente allestito con le opere di Antonio La Gamba e di altri artisti, dove, preceduto  dalla proiezione del docufilm di Alessandro Piva “Road to myself. Antichi cammini nell’ Italia del sud” si è tenuto l’incontro “Cammini di Calabria. Percorsi tra storia, cultura e paesaggi : il cammino di San Francesco di Paola, Il cammino del Brigante, Kalabria Coast to Coast.”

Stefano Ardito ha condotto il dibattito che ha coinvolto Paolo Piacentini, Presidente Nazionale FederTrek ed Esperto cammini MiBACT Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, Salvatore Bullotta Responsabile dei cammini di Calabria, Lorenzo Boseggia Presidente di Kalabria Trekking, Sandro Casile Presidente della Gea e Vincenzo Astorino Presidente dell’appennino Paolano; il dibattito, lungo e appassionato, è stata l’occasione per un confronto tra alcune delle associazioni più coinvolte nel mondo della promozione ambientale del territorio durante il quale si è sottolineata la crescita esponenziale dell’attenzione che c’è rispetto al tema dei cammini ambientali calabresi e come anche le pagine più oscure della storia, come quelle legate a fenomeni come il brigantaggio, siano capaci di attirare e incuriosire un pubblico sempre più numeroso e interessato. Concludendo il dibattito Ardito ha sottolineato la bellezza e l’eccezionalità di un incontro come quello perché non è affatto scontato che associazioni divere ma tutte interessate a uno stesso tema siano capaci di dialogare tra loro e di trovare un orizzonte comune verso il quale dirigersi.

Alle 20, per l’”Aperitivo col l’autore”, svoltosi presso il ristorante Nostrano, Cataldo Perri ha raccontato davanti a un pubblico divertito e attento la Malura, quel momento negativo e folle, capace di annebbiare la ragione e segnare l’esistenza degli individui e a volte dei popoli, conversando con Nancy Valente.

La serata si è conclusa col bellissimo concerto dei Parafoné, in versione 4X4, che sono riusciti a commuovere e fare ballare un pubblico fino a quel momento attento ma compassato, dimostrandosi la solita eccezionale macchina da guerra musicale e ospitando, in un momento suggestivo, anche la chitarra battente di Cataldo Perri.

Il taglio della torta per festeggiare i 5 anni di Kalabria Trekking è stato il momento finale di una prima giornata ricchissima.

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Pizzo area di crisi. Callipo: “investire qui sarà più conveniente”.

Soddisfazione è stata epressa dal primo cittadino di Pizzo calabro, Gianluca Callipo per l’inclusione della sua città, nell’elenco dei comuni che potranno usufruire delle agevolazioni previste dalla Legge 181/89, che prevede aiuti per il rilancio industriale di zone a forte vocazione produttiva. “Alla luce di questo provvedimento – ha affermato Callipo…

Leggi tutto »

Anche Pizzo aderisce alla campagna promossa da “Autism Speaks”.

Come ogni anno i principali edifici delle maggiori città del mondo – dall’Arco di Costantino a Roma, all’Empire State Building di New York – si illuminano di blu per aderire all’iniziativa promossa da “Autism speaks”, la più importante organizzazione mondiale per la promozione della ricerca sull’autismo, che ha lanciato l’iniziativa globale “Light…

Leggi tutto »