MediterraneiNews.it

L’iter del dopo voto. Dall’elezione dei presidenti di Camera e Senato al via alle consultazioni del presidente Mattarella

Bisognerà attendere il 23 marzo per la prima seduta delle nuove Camere, quando con l’elezione dei rispettivi presidenti di Camera e Senato si capiranno gli equilibri tra le varie forze politiche. Fino ad allora e prima che si insedi il nuovo Esecutivo, sono diverse le tappe istituzionali che scandiranno la nuova legislatura. Quando inizieranno le consultazioni? E quando avremo un nuovo governo?

8-9 MARZO – Terminate le operazioni di scrutinio, il Viminale diffonderà i dati definitivi, si procederà all’assegnazione dei seggi e poi verranno proclamati gli eletti. I nuovi parlamentari inizieranno così il loro mandato. Tra l’8 e il 9 marzo deputati e senatori sbrigheranno gli adempimenti burocratici per registrarsi in Parlamento.

 23 MARZO – La prima seduta delle nuove Camere, che deve avvenire entro 20 giorni dalle elezioni, si terrà il 23 marzo e sarà dedicata all’elezione dei due presidenti. Per l’elezione del presidente della Camera, il regolamento prevede che avvenga a scrutinio segreto. Per l’elezione è richiesta la maggioranza dei due terzi dei componenti nella prima votazione, la maggioranza dei due terzi dei voti nella seconda e la maggioranza assoluta dei voti dopo il terzo scrutinio.

Diversi i tempi per l’elezione del presidente del Senato, che avviene a scrutinio segreto e richiede la maggioranza assoluta dei voti dei componenti dell’assemblea nei primi due scrutini. Nel caso in cui non ci sia esito positivo, è sufficiente la maggioranza assoluta dei voti dei senatori presenti nel terzo scrutinio. Se nessuno riporta la maggioranza richiesta, il Senato procede nello stesso giorno al ballottaggio fra i due candidati che abbiano ottenuto nel precedente scrutinio il maggior numero di voti, anche per il ruolo di supplente del Capo dello Stato che il presidente del Senato è chiamato a svolgere. A parità di voti è eletto o entra in ballottaggio il più anziano di età. Quindi al massimo domenica 25 o più probabilmente entro sabato pomeriggio si conoscerà il nome del nuovo presidente del Senato.

25 MARZO – Entro il 25 marzo i parlamentari dovranno comunicare il gruppo di appartenenza. Il numero minimo per costituire un gruppo parlamentare è di 20 deputati alla camera e 10 senatori al Senato, salvo diversa autorizzazione dell’Ufficio di Presidenza. I deputati e senatori che non abbiano dichiarato a quale gruppo appartengono, vengono iscritti nel gruppo misto.

27 MARZO – E’ la data entro la quale i gruppi parlamentari eleggono i rispettivi presidenti. Una volta concluse queste procedure, verrà convocata una nuova seduta per l’elezione dell’Ufficio di presidenza, composto da quattro vicepresidenti, tre questori e otto segretari d’Aula.

FINE MARZO/PRIMI DI APRILE – Tutte le procedure per l’insediamento delle Camere e dei Gruppi parlamentari dovrebbero concludersi intorno alla domenica di Pasqua, il primo aprile. Dalla settimana successiva è possibile quindi il via alle consultazioni del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, per capire se e come sarà possibile dar vita a una maggioranza in grado di esprimere e sostenere un governo. Al Quirinale saliranno i presidenti delle Camere, l’ex capo dello Stato Giorgio Napolitano e i rappresentati dei gruppi parlamentari. Al termine delle consultazioni Mattarella deciderà il da farsi: se conferire l’incarico esplorativo o l’incarico pieno per formare il nuovo governo. Nel frattempo, l’attuale presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, resterà in carica per gli affari correnti.

fonte adnkronos

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Laura Ferrara: “L’autostrada del Mediterraneo? L’ennesima presa in giro per i cittadini calabresi”

Avrà cambiato il nome, da Salerno-Reggio Calabria in autostrada del Mediterraneo o A2, sarà diventata una “smart road” sulla quale potranno viaggiare le self-driving cars, le auto senza pilota, sarà stata dotata di banda ultra larga, sensori che dialogano con le auto, rete Wi-Fi, isole verdi per la ricarica dei veicoli elettrici,…

Leggi tutto »

L’Assessore regionale all’Ambiente replica sulla Riserva regionale Valli Cupe

“Il carattere strumentale ed il tentativo di cambiare le carte in tavola sulla Riserva di Valli Cupe ha raggiunto un inaudito livello di sciacallaggio. Facciamo parlare i fatti per sgomberare il campo da inutili e dannosi polveroni”. E’ quanto afferma in una nota l’asserrore regionale Antonella Rizzo per la quale…

Leggi tutto »