MediterraneiNews.it

Cosenza, sequestrati 400 kg di novellame di sarda

La Guardia di Finanza di Corigliano Calabro (CS), nell’ambito dei controlli finalizzati ad assicurare il rispetto della normativa di settore che impone il
divieto di cattura di specie ittiche vietate o sottomisura, nonché il rispetto delle normative igienico sanitarie a tutela dei consumatori, ha sequestrato 400 chilogrammi di novellame di sarda (sardina pilchardus).

Il prodotto illecitamente detenuto, è stato rinvenuto all’interno di un furgone “Fiat Ducato”, stipato nella parte posteriore dello stesso ed abilmente occultato da altro pescato regolarmente trasportato. La pesca del novellame è vietata da una norma comunitaria perché considerata dannosa per la fauna marittima, in quanto incide negativamente sul ripopolamento dei mari.
Nei confronti del conducente dell’automezzo sono state, quindi, contestate sanzioni amministrative per un importo pari ad euro 25mila euro ed i verbali di contestazione amministrativa sono stati inviati, quale organo competente all’accertamento, alla Capitaneria di Porto di Corigliano Calabro.

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Al via il nuovo piano di comunicazione dedicato allo storico marchio beverage recentemente entrato nel Gruppo Caffo – VIDEO

Un crescendo di stupore, un susseguirsi di situazioni inaspettate, un triangolo amoroso inatteso che crea veri colpi di scena. È tutta ironicamente giocata sull’effetto sorpresa la campagna tv che celebra il ritorno in comunicazione di Elisir San Marzano Borsci, storico e iconico liquore della tradizione italiana, noto per il suo…

Leggi tutto »

Omicidio Piperno a Nicotera. Arrestati Perfidio Francesco e il figlio Ezio in concorso con altri

Nella nottata odierna, in Nicotera, i militari del Comando Provinciale di Vibo Valentia e del R.O.S., con la collaborazione dello Squadrone Eliportato “Cacciatori” di Calabria, eseguivano ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal GIP del Tribunale di Vibo Valentia su richiesta della locale Procura della Repubblica, che concordava con…

Leggi tutto »