MediterraneiNews.it

Medio Oriente: nuovo attacco nella notte contro installazioni militari in Siria. Uccisi anche soldati iraniani.

Piovono bombe nuovamente sulla Siria. Nella notte di ieri infatti, alcuni missili, hanno colpito delle postazioni militari site nelle province di Aleppo e Hama, provocando almeno una quarantina di morti e una sessantina di feriti.

Tra questi – e non è un fatto secondario – anche dei militari iraniani che, come è noto, agiscono da tempo nel paese Mediorientale appoggiando le forze lealiste fedeli al presidente Assad. L’attacco sarebbe partito da basi militari britanniche e statunitensi nel nord della Giordania ma non è una notizia ancora confermata, tanto che altre fonti, asseiscono che l’attacco potrebbe essere stato sferrato dagli israeliani. Si tratta comunque del secondo attacco dopo quello congiunto americano-franco-britannico del 14 aprile scorso.

Uno scenario dunque – quello siriano – che si fa ancora più incandescente con gli Stati uniti e i loro alleati regionali sauditi e israeliani che tentano di contrastare un regime, quello siriano, che essi percepiscono come una diretta emanazione iraniana nell’ambito del mai sopito progetto di Teheran di disegnare un asse sciita che inglobi l’Iraq, la Siria stessa arrivando al Libano.
Condividi questo Articolo

Articoli correlati

A Nicotera è in arrivo sua eccellenza il profugo. La sorpresa SPRAR spiazza la piazza…

Avevamo già scritto, in alcuni articoli ad inizio anno in tempi non sospetti, sulla ventilata ipotesi di un centro di accoglienza per profughi a Nicotera. Uno SPRAR-Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati? Sul sito della Prefettura di Vibo Valentia non ci sta traccia di alcun allegato 5 dove…

Leggi tutto »

Germania: l’opposizione fa bene all’SPD che vince le regionali in Bassa Sassonia.

Era il test più importante per Angela Merkel dopo la poco convincente vittoria del suo partito – i democristiani della CDU – alle elezioni federali dello scorso settembre. Ebbene se di test si trattava quello delle elezioni regionali nel popoloso land della Bassa Sassonia – la Merkel ne esce sconfitta….

Leggi tutto »