MediterraneiNews.it

Calabria protagonista anche al Cibus di parma dal 7 al 10 Maggio.

“Alla XIX edizione del salone internazionale dell’alimentazione che si svolgerà a Parma dal 7 al 10 maggio, la Regione Calabria sarà presente insieme a quarantacinque aziende. La Calabria presenta quindi al mondo i suoi gioielli agroalimentari con tre giorni di eventi, sei cooking show, nove degustazioni e la presenza di quarantacinque aziende produttrici, in rappresentanza delle sue ventisette tra Dop e Igp e di molte altre tipicità, legate in modo indissolubile alla lingua di terra compresa tra Tirreno e Ionio”.

Lo ha annunciato una nota diramata dall’ufficio stampa della Regione Calabria che ha precisato come “la partecipazione a Cibus 2018 è organizzata dalla Regione Calabria stessa attraverso il Dipartimento Agricoltura e Risorse Agroalimentari, in collaborazione con Arsac, l’Azienda Regionale per lo Sviluppo in Agricoltura”.

“La presenza alla manifestazione di Parma costituisce una nuova importante occasione per la promozione del brand Rosso Calabria, finalizzato alla valorizzazione dei prodotti di qualità, dei territori e della cultura calabrese. “Cibus rappresenta una vetrina internazionale prestigiosa per i prodotti agroalimentari calabresi – ha affermato il presidente della Regione Calabria Mario Oliverio – per i quali è sempre più importante farsi conoscere all’estero. Del resto la Calabria, patria della Dieta Mediterranea – sottolinea Oliverio – nonché la seconda produttrice di olio extravergine d’oliva in Italia, non poteva mancare ad un appuntamento così importante. Nella nostra regione c’è un rinnovato interesse per l’agricoltura e l’agroalimentare: molti giovani stanno tornando a lavorare la terra e a cimentarsi in nuove avventure imprenditoriali e noi come istituzione, anche attraverso la partecipazione a questo tipo di manifestazione, intendiamo supportarli”.

“Il percorso gastronomico, a Cibus, che partirà da quelli che sono stati indicati dalla chef, ristoratrice e influencer italo-americana Lidia Bastianich, come i “cibi trendy” del 2018: la ‘nduja di Spilinga, il caciocavallo silano Dop, la liquirizia di Rossano Dop ed il bergamotto di Reggio Calabria Dop – si legge nella nota in questione – proseguirà per le altre produzioni calabresi di qualità, ritenute dalla stessa Bastianich, testimonial della Calabria non solo negli Stati Uniti, ma nel mondo intero, “estremamente ricche di personalità e salutari” come ad esempio della Cipolla rossa di Tropea Igp Calabria e della Patata della Sila Igp, dell’olio extravergine d’oliva Igp – l’ultima preziosa certificazione ottenuta in ordine di tempo – del Pecorino crotonese Dop, dei fichi dottati del cosentino Dop, delle clementine Igp, prodotti già ben inseriti nei mercati nazionali ed esteri, ma con ancora un ampio potenziale di crescita”.

“Ma negli spazi della Regione Calabria a Cibus 2018 – si legge ancora – si punta a promuovere e far conoscere meglio anche altri prodotti agroalimentari di qualità, espressione della grande biodiversità regionale, che vanno a completare il ricchissimo paniere calabrese, tenendo presente che sono ben 268 i prodotti agroalimentari calabresi inseriti nell’elenco Pat del Mipaaf, tra i quali spiccano il cedro, i peperoncini, i funghi, le olive, i sottoli, le marmellate, i latticini e la carne della pregiatissima “podolica” e di suino nero, il pesce, la pasta, il pane di segale, i dolci e altri prodotti da forno, i vini e le bibite. Produzioni che interessano tutte le zone della regione.Secondo i dati Ismea più aggiornati, con un giro d’affari pari a 19 milioni di euro (+17% nel confronto tra 2015 e 2016), la Calabria è una delle regioni dove la produzione di Dop e Igp sta crescendo di più nel confronto con il resto d’Italia: meglio fanno solo Sicilia, Basilicata, Liguria e Umbria. I piatti saranno preparati dalla chef Giovanna Martire e raccontati da Paolo Massobrio, Marco Gatti e Maurizio Pescari. Le degustazioni saranno animate dall’esperta di cucina calabrese Anna Aloi”.

Questo il programma degli eventi: si comincia lunedì 7 maggio alle 12 con la Zuppa di fagioli con Olio Bruzio Dop e Liquirizia calabrese Dop. Alle 15 si potrà assaggiare la Frittata ‘du scuru (di patate), con Patate della Sila Igp (cultivar Agria a pasta gialla), crema di peperoncino, basilico fresco e Olio Lametia Dop. I piatti di questa giornata saranno raccontati da Paolo Massobrio.Martedì 8 maggio alle 12 sarà la volta della Pasta fave, pancetta e crema di pecorino con pasta formato calamaretti, fave fresche, Pancetta di Calabria Dop, Pecorino crotonese Dop e OIio Bruzio Dop. Alle 15 Zuppa di ceci con baccalà, con ceci, baccalà e Olio Bruzio. I piatti saranno raccontati da Marco Gatti.Mercoledì 9 maggio alle 12 Struncatura con mollica e acciughe, pasta – tipica della zona della Piana di Gioia Tauro – realizzata con i residui di farina e crusca della molitura del grano, che le conferiscono un particolarissimo aspetto ruvido e grossolano, che le permette di trattenere molto bene il condimento. In questo caso mollica di pane, acciughe, aglio di Papaglionti e Olio Lametia Dop. Alle 15 toccherà al Macco di San Nicola cioè una purea di fave con cicoria e Olio Crotonese Dop. I piatti saranno raccontati da Maurizio Pescari. Da lunedì a mercoledì si svolgeranno anche tre degustazioni al giorno: dalle 10 alle 12 Buongiorno Calabria… Il dolce e il salato di una terra che ti aspetta; dalle 13 alle 15 Mezzogiorno in Calabria. Una tavola imbandita di identità, gusto e benessere; dalle 16 alle 17 Pomeriggio in Calabria. Tradizione, bontà e passione in un solo boccone.

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Politiche sociali. La Regione Calabria ultima nel sostegno a minori ed anziani. Lettera aperta delle associazioni

La Calabria è la regione italiana che spende meno per le politiche sociali (27 euro pro capite contro i 110 euro di media nazionale!). E i risultati, purtroppo, si vedono con minori ed anziani lasciati nella solitudine, nella difficoltà e nella scarsa assistenza. Lo ricorda Uneba Calabria in una lettera aperta al presidente della…

Leggi tutto »

La Regione ricerca 57 esperti, scadenza domande 10 aprile.

La Regione Calabria  ricerca 57 esperti per attività di controllo di primo livello, gestione delle irregolarità, semplificazione e gestione dei flussi di processo per l’attuazione del Por Calabria FESR FSE 2014/2020 e 38 esperti, invece, per attività di supporto al monitoraggio dei programmi e dei progetti del Por 14-20 e…

Leggi tutto »