MediterraneiNews.it

A Santa Domenica di Ricadi, si è parlato della costituzione della rete museale calabrese.

Rete museale calabrese. E’ stato questo l’argomento della giornata di studi tenutasi a Ricadi pochi giorni fa, promossa dai comuni vibonesi di Zungri, Soriano e Ricadi in collaborazione con Simbdea, Diagonal, Amei, Fai e l’Ordine degli architetti di Vibo Valentia.
Gli incontri itineranti toccheranno Reggio Calabria a giugno dove si discuterà di gestione museale.

A settembre, invece tappa a Cosenza dove verrà affrontato il tema, emerso durante il convegno internazionale Icom a Milano del luglio 2016, su musei e paesaggi culturali.

Durante il convegno, patrocinato tra gli altri, dalla Sabap Per le province di Catanzaro, Cosenza e Crotone, sono intervenuti il soprintendente Mario Pagano e la demoetnoantropologa Antonella Iacovino.

“Nella tutela è implicita la valorizzazione”: ha esordito Pagano che ha invitato alla riflessione sulla recente riforma Franceschini.“Senza risorse e nuove assunzioni non si va avanti -ha affermato l’archeologo-. Le criticità riguardano soprattutto i musei archeologici che risentono in maniera negativa della mancanza di fondi.“. “Tuttavia –ha concluso l’archeologo- registriamo oggi un entusiasmo e un rinnovato fervore intorno all’ambizioso progetto di realizzare una rete museale regionale. Riteniamo che sia necessaria al raggiungimento di tale obbiettivo un’adeguata progettualità e l’individuazione di grandi attrattori che permettano di creare circuiti turistici culturali di respiro internazionale.”.

Antonella Iacovino è intervenuta invece sul sistema di catalogazione del patrimonio culturale. “Il sistema elaborato dall’ICCD, consultabile sul sito del Mibact –ha asserito la funzionaria della Sabap di Cosenza-, contiene le normative per i beni tutelati in Italia. Attraverso la catalogazione si ha una conoscenza stabile del bene che è anche aggiornabile nel tempo. E’ questo un elemento imprescindibile per la costruzione della rete museale perché consente la promozione, oltre che la tutela, del nostro patrimonio.”.

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

La storia è un elemento fondativo delle nostre comunità ma spesso sta nascosta in archivi dimenticati e biblioteche polverose. Ora apprendiamo con soddisfazione che il comune di Soriano calabro ha ottenuto un finanziamento di 30mila euro ottenuto dalla Soprintendenza Archivistica della Calabria, con il quale si potrà mettere mano al suo…

Leggi tutto »

Il programma “Le meraviglie” di Radio Rai 3, farà tappa a Soriano Calabro, con una guida d’eccezione: l’antropologo Vito Teti.

Domenica,30 aprile  alle ore 13.00 , Radio Rai3 dedicherà una puntata alla Calabria  all’interno del programma “Le meraviglie”. Sarà l’antropologo Vito Teti  a visitare il convento di San Domenico in Soriano. Un luogo incantato di cui rimangono poderosi ruderi simboli di trasformazione delle rovine in vettori di ricostruzione dell’identità e…

Leggi tutto »