MediterraneiNews.it

Nicotera, si è costituito Francesco Giuseppe Olivieri

E’ finita la latitanza di Francesco Giuseppe Olivieri, l’uomo che venerdì pomeriggio ha lasciato dietro di sè una scia di sangue e di terrore uccidendo a Nicotera due persone, Michele Valerioti, 68 anni, freddato sul balcone di casa e Giuseppina Mollese, 80 anni, morta in ospedale, e ferendo, a Limbadi, all’interno del bar “Nino’s”, tre uomini, Pantaleone Timpano, Pantaleone D’Agostino e Francesco Di Mundo.

Dopo il ritrovamento avvenuto, nel primo pomeriggio di ieri, della carcassa bruciata della sua auto, la Fiat Panda, in località “Colarizzi” di Spilinga, Olivieri, dopo tre giorni di fuga, si è recato presso il carcere di “Castelluccio” dove è stato raggiunto dal suo avvocato, Francesco Schimio presente all’interrogatorio condotto dal comandante della Compagnia di Tropea, Dario Solito e dal Pm Iannazzo.

Olivieri è stato interrogato per tutta la notte.

 

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Non sembra destinata ad interrompersi la spirale di furti che sta colpendo negli ultimi mesi la cittadine tirrenica. A poco più di una settimana dal furto ad una cartolibreria ennesimo colpo è stato messo a segno da ignoti, nella notte tra sabato e domenica, ai danni, questa volta, della tabaccheria…

Leggi tutto »

“Riferimenti – Gerbera gialla”, la Guardia di Finanza attua il sequestro preventivo dei beni in relazione ai reati di malversazione ed appropriazione indebita

Il Comando provinciale della Guardia di Finanza di Reggio Calabria ha dato esecuzione ad un decreto di sequestro preventivo emesso, in via d’urgenza, dalla Procura della Repubblica di Reggio Calabria nei confronti di Adriana Musella, presidente dell’associazione coordinamento nazionale antimafia “Riferimenti-Gerbera Gialla”, indagata per i reati di malversazione ai danni di numerosi…

Leggi tutto »