MediterraneiNews.it

Crotone, tesoro archeologico rinvenuto in una stalla

I Carabinieri della Compagnia di Cirò Marina, nell’ambito di appositi servizi straordinari di controllo del territorio, durante una perquisizione finalizzata alla ricerca di armi e materiali esplodenti, hanno trovato un vero e proprio tesoro archeologico.

In particolare, le operazioni di ricerca hanno interessato un’azienda agricola di Cirò Marina ed in particolare una stalla all’interno della quale, occultati in un vecchio armadio, sono stati rinvenuti una quarantina di reperti archeologici, di pregevole fattura tra cui gioielli, monili in bronzo e vasellame decorato.
I reperti sono stati sequestrati e il possessore è stato deferito in stato di libertà alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Crotone per le ipotesi di reato di ricettazione e impossessamento illecito di beni culturali appartenenti allo Stato.
Da una prima analisi effettuata dalla Soprintendenza per i Beni Culturali della Regione Calabria, è emerso che i reperti, provenienti da più siti tombali dell’area cirotana, sono in ottimo stato di conservazione e risalenti all’età del ferro e periodo ellenistico.

I successivi accertamenti, che saranno eseguiti dalla citata Soprintendenza secondo le direttive dell’Autorità Giudiziaria, permetteranno di collocare con maggiore precisione l’età storica di ogni singolo reperto nonché quantificarne il valore di mercato.

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Inchiesta “U Padri nostru”: maxisequestro di beni nel vibonese.

Sequestro dell’intero patrimonio aziendale composto da 4 imprese commerciali, delle rispettive quote societarie, di 27 tra immobili, locali commerciali e terreni, di svariati rapporti finanziari e assicurativi, il tutto per un valore stimato pari a circa 28 milioni di euro, è questo il bilancio dell’operazione denominata “U padri nostru” scattata oggi…

Leggi tutto »

Vibo Valentia, alunni e docenti della “Murmura” incontrano i genitori di Domenico Gabriele, vittima innocente di mafia

Nell’ambito del percorso sulla legalità “Educare alla cittadinanza e alla legalità attiva”, alunni e docenti della scuola Secondaria di I grado “Murmura” del dirigente scolastico Pasquale Barbuto, hanno avuto l’opportunità, grazie all’associazione Libera, di incontrare i genitori del piccolo Domenico Gabriele, Dodò, vittima innocente di mafia. Ha aperto il dialogo con…

Leggi tutto »