MediterraneiNews.it

Possibile crisi di governo in Spagna dopo gli scandali che hanno investito il partito al governo.

In Spagna, a pochi giorni dalla sentenza del cosiddetto “Caso Gurtel” che ha coinvolto diversi uomini d’affari vicini all’imprenditore Manuel Correa e molti esponenti del PP (Partido Popular) che guida un governo di minoranza, si avvicina lo spettro delle elezioni anticipate.

Il PSOE (socialisti) ha depositato al Parlamento spagnolo una mozione di sfiducia, ma se Podemos – il partito della sinistra radicale, la voterà di sicuro, è meno chiaro l’atteggiamento che terrà Ciudadanos il partito di centrodestra che con la sua benevola astensione consente ai popolari di continuare a governare.

Perchè nel sistema istituzionale iberico – come in Germania – se la sfiducia passa automaticamente  dovrebbe subentrare al posto di primo ministro all’attuale premier il popolare Mariano Rajoy, il leader della formazione politica che l’ha proposta e quindi il socialista Pedro Sanchez, cosa che non conviene a Ciudadanos che invece vuole andare alle elezioni anticipate se il premier non si fa da parte, convinto di essere premiato dalle urne e diventare il primo partito di Spagna.

Nel frattempo, crolla la borsa di Madrid e schizza in alto lo spread.

Secondo i sondaggi degli ultimi giorni Ciudadanos – che lo ricordiamo è una formazione di centro destra ma più moderata del PP sarebbe accreditato dal 25% al 29% superando i popolari che sono dati tra il 19% e il 25%. Seguono i socialisti – tra il 19% e il 22% e la sinistra radicale data tra il 17% e il 20% . Sempre secondo tali sondaggi sarebbe possibile, con questi numeri o una colalizione a parti invertite tra Ciudadanos e popolari o una coalizione tra Ciudadanos e socialisti.

 

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Attentato alla Chiesa Cristiana Copta al Cairo. Papa Francesco sarà in Egitto a fine aprile.

 Una bomba è scoppiata nella chiesa copta di Mar Girgis a Tanta, in Egitto, mentre i fedeli celebravano la liturgia della Domenica delle Palme. Il ministero egiziano della sanità dichiara che per ora si contano almeno 21 morti e 69 feriti, ma il bilancio dei morti è destinato a salire….

Leggi tutto »

Nonostante le ostilità tra i rappresentanti del governo di Damasco e gli oppositori, durante i negoziati del 23 e 24 gennaio Mosca, Ankara e Teheran hanno espresso l’intenzione di voler dissociare l’opposizione armata dalle milizie dei terroristi. Trovato poi un accordo per monitorare il cessate il fuoco. Ma la pace…

Leggi tutto »