MediterraneiNews.it

Autobomba Limbadi, depositata in Prefettura istanza per l’assegnazione della scorta armata ai coniugi Francesco e Rosaria Vinci

E’ stata depositata, questa mattina, istanza presso la Prefettura di Vibo Valentia, a firma dell’avvocato Giuseppe De Pace, avente ad oggetto la necessità, divenuta ancora più stringente in seguito agli ultimi arresti, di assegnare una scorta armata ai coniugi Francesco e Rosaria Vinci, genitori di Matteo, il giovane tragicamente scomparso in seguito all’esplosione dell’autobomba di Limbadi.

L’istanza indirizzata oltre che al prefetto anche al Procuratore Distrettuale presso la Dda di Catanzaro e al Ministro degli Interni, chiede che le autorità in indirizzo, senza indugio alcuno, provvedano ad assegnare a Francesco Vinci e Rosaria Scarpulla, una scorta armata H-24 a tutela della loro incolumità fisica e della loro agibilità personale con l’avvertenza che, in mancanza, “agiremo in tutte le sedi – si legge -, anche internazionali, perché il loro giusto diritto venga affermato”.

L’assolvimento di tale incombenza sarebbe urgente e necessaria, per De Pace, in considerazione delle risultanze investigative, come dal Decreto di fermo emesso da Procura a carico della famiglia Mancuso-Di Grillo, nel quale emergerebbe, “ictu oculi”, il denunciato pericolo di vita attuale, concreto e imminente in capo ai coniugi superstiti dell’azione criminosa de qua. Inoltre, nelle motivazioni dell’ordinanza del Gip a seguito dell’udienza di convalida del fermo, “si sottolinea l’abnorme rete capillare e territoriale della quale dispongono i Mancuso, che possono attivarsi in ogni momento per portare a termine il loro disegno di annientamento dei Vinci-Scarpulla. I miei assistiti – evidenzia l’avvocato – versano in uno stato di sorda paura di subire la stessa fine del loro povero figlio, atteso che nessuna forma di seria protezione è stata predisposta a loro tutela”.

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Reggio Calabria, proponevano abbonamenti ad una falsa rivista della Finanza

Avevano messo in atto un raggiro telefonico afferente la vendita di un abbonamento annuale ad una finta rivista edita dalla Guardia di Finanza e così le Fiamme Gialle, coordinate dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Palmi, hanno emesso quattro ordinanze di custodia cautelare personale, una ai domiciliari, un…

Leggi tutto »

Centro di accoglienza a Nicotera? . Facciamo chiarezza…

Non v’è dubbio che la vicenda del centro di accoglienza a Nicotera si è tinta di giallo, dovuta al più classico dei casi ascrivibili alla mancata trasparenza amministrativa che vuole, di prassi, seppur a valle, che ci sia un preventivo coinvolgimento della popolazione specie  su iniziative delicate quali appunto l’ospitalità…

Leggi tutto »