MediterraneiNews.it

Storico voto in Messico. Obrador nuovo presidente.

Il Messico volta pagina e lo fa con uno scossone politico senza precedenti. Dopo che la scena politica dell’ultimo secolo è stata dominata dal centrista Partito Rivoluzionario Istituzionale (PRI) che ha governato il paese ininterrottamente dal 1928 al 2000 e poi dal 2012 a oggi, il paese latino americano ha un presidente di orietamento populista.

Andrés Manuel López Obrador, conosciuto come Amlo ha infatti battuto nettamente i suoi avversari nelle presidenziali tenutesi ieri conquistando oltre 11.5 milioni di voti pari al 53.6% dei consensi. Al secondo posto il candidato del centrodestra del Partito d’azione nazionale (PAN) Ricardo Anaya, che ha ottenuto 4.9 milioni di voti pari al 22.8%, seguito dal candidato del PRI stesso, José Antonio Meade che ha ottenuto 3.2 milioni di voti pari al 15.1%. Un altro candidato – l’indipendente Jaime Rodríguez Calderón – ha conseguito il 5.7% dei suffragi. Lo scrutinio è ormai giunto ad oltre la metà dei voti e gli avversaridell’ormai neo-presidente hanno già ammesso la sconfitta.

Obrador, è un populista nazionalista di sinistra, ex sindaco di Città del Messico e leader del Movimento di rigenerazione nazionale (MORENA), partito nato intorno alla sua figura nel 2011. Il neo-presidente ha promesso la fine della corruzione dilagante e la riduzione della violenza e della povertà e su queste basi il popolo messicano sembra avergli creduto.

 

 

 

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Elezioni in Romania: un voto contro l’asuterity.

E’ il partito socialdemocratico PSD – componente del Partito Socialista Europeo – il vincitore delle elezioni politiche che si sono tenute in Romania domenica scorsa. La speranza del premier provvisorio uscente, il tecnocrate Dacian Ciolos, di formare una coalizione di centrodestra, è quindi sfumata  ma resta da vedere come il Psd…

Leggi tutto »

Elezioni in Slovenia: parlamento molto frammentato, si cerca ora una maggioranza.

Un vincitore sicuro ma moltissime incertezze. E’ questo il quadro che esce dalle urne di uno degli stati più piccoli dell’Unione Europea. Stiamo parlando della Slovenia dove domenica si è votato per il rinnovo del parlamento unicamerale. Il partito più votato è stato  il Partito democratico sloveno (SDS), formazione di centrodestra…

Leggi tutto »