MediterraneiNews.it

Autobomba di Limbadi, sabato i funerali di Matteo Vinci

“Sabato 14 luglio, a Limbadi, si terranno i funerali di Matteo Vinci, il giovane biologo rimasto ucciso lo scorso 9 aprile in seguito all’esplosione di un’autobomba piazzata all’interno della sua autovettura, vittima della barbarie mafiosa che impera sul nostro territorio”. A renderlo noto l’avvocato Giuseppe De Pace, legale della famiglia Vinci-Scarpulla, a nome dei genitori della vittima. “Alle ore 15 verrà aperta la camera ardente presso la scuola Media di Limbadi e alle ore 18 inizierà lo svolgimento della cerimonia con rito civile.

“Invitiamo a partecipare tutti i cittadini che credono al principio di resistenza contro la protervia mafiosa – afferma il legale -, tutte le associazioni antimafia e di cittadinanza attiva che si sono mobilitate per tenere viva la memoria del caro Matteo, l’associazione “Libera”, che con fattivo impegno si è prodigata nell’assistenza dei genitori superstiti della strage, i magistrati e le forze dell’ordine, che con spirito di abnegazione hanno lavorato, e lavorano, per il trionfo della giustizia, a cui tanto anelava la povera vittima, mentre lottava per la difesa dei propri diritti, gli organi di stampa e comunicazione, che tenendo quotidianamente viva l’attenzione sulla drammatica vicenda, hanno eretto un virtuale ed efficace cordone di protezione intorno alla vita della signora Sara e del signor Francesco, tuttora esposti al rischio di ritorsioni violente da parte del clan mafioso che vuole annientarli”.

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

BCC di San Calogero e Maierato. Il 7 maggio si vota per il rinnovo delle cariche, tra polemiche, ma prevale il senso di responsabilità

In foto, il commercialista Gennaro Davola. Sono ormai delineati gli schieramenti per il rinnovo delle cariche sociali della BCC del vibonese, azienda nata dalla fusione tra le BCC di San Calogero e Maierato. A proporsi alla carica di nuovo presidente ci sarà Gennaro Davola con una lista di candidati a…

Leggi tutto »

Lo schifo delle Ong umanitarie corrotte “è un fallimento morale”. Oxfam e gli abusi sessuali anche sui bambini.

Si aggrava lo scandalo intorno all’ONG britannica OXFAM che – dopo le rivelazioni su festini a luci rosse ad Haiti da parte di suoi operatori – è di nuovo sotto accusa per abusi sessuali denunciati da una ex dirigente dell’organizzazione, Helen Evans, che parla di una vera e propria “cultura di…

Leggi tutto »