Nicotera e la Dieta Mediterranea. Necessario fare chiarezza culturale verso chi mesta sui social.
Nicotera e la Dieta Mediterranea. Necessario fare chiarezza culturale verso chi mesta sui social.

MediterraneiNews.it

Nicotera e la Dieta Mediterranea. Necessario fare chiarezza culturale verso chi mesta sui social.

1957 Ancel Keys a Nicotera per lo studio pilota del Seven Countries Study

Su richiesta di molti autorevoli amici, riassumo la vicenda in merito all’articolo del 20 ottobre apparso su MediterraneiNews, contro un intervento di Maria Loscrì presidente del Club Unesco di Vibo Valentia, durante il convegno del 19 ottobre a Vibo Marina sulla Dieta Mediterranea “La ricetta della Vita tra musica, arte e gastronomia” che doveva essere un momento di approfondimento per il rilancio del turismo e dell’agroalimentare in Calabria. Per l’articolo pubblicato, la Loscrì, non ha inteso richiedere alcuna rettifica preferendo pubblicare numerosi post offensivi e diffamatori su Facebook, seguiti da altrettanti commenti di suoi amici e iscritti al club Unesco e alla sua associazione Med Experience, che sono penalmente più gravi dei precedenti, addirittura, sentenziando nei miei confronti, un noto personaggio, in risposta ad un paciere di turno, di “farmi pagare le conseguenze”, avendo pure l’imprudenza, la Loscrì, di lasciarlo pubblicato sul suo social e, nel contempo, la stessa afferma di minacciare querela verso il sottoscritto. E su che? Sulla Lesa Maestà? Nonostante tutto, ancora oggi, la stessa, continua a pubblicare post diffamatori, tutta elettrizzata anche nel fare ironia, per giunta lasciandosi trascinare nell’agone social, pubblicando post di una facinorosa già querelata e già convocata in Procura per diffamazione a mezzo stampa e social. E questo la dice lunga…

Le tre contestazioni e precisazioni formulate da Montuoro nella sua qualità di Presidente dell’Accademia della Dieta Mediterranea di Nicotera, presente al convegno, sono su basi culturali, fattuali ed oggettive, che andavano replicate dalla Loscrì con analoghe argomentazioni, rimanendo culturalmente sul pezzo per confrontarsi, senza fuggire e preferire la piazza dei social, credendo di spostare l’attenzione su altre argomentazioni e fatti che nulla hanno a che vedere su quanto, nello specifico, è stato contestato da Montuoro. E’ chiaro che se sui social la Loscrì minaccia querele seppur prive di  fondamento, pensando di fare la voce grossa, verrà ripagata con altrettanta querela, incrinandosi il terreno culturale iniziale la cui focalizzazione si sposta inesorabilmente sulle argomentazioni di carattere penale, con tutti i risvolti del caso. Nel convegno del 19 ottobre a Vibo Marina la Loscrì, non attenendosi al tema, ha incentrato il suo discorso prevalentemente su tre punti, tutti riguardanti, inspiegabilmente e in maniera negativa, Nicotera e, a riscontro di quanto sopra, si trascrive la registrazione su ciò che ha  affermato la Loscrì al convegno di Vibo Marina del 19.10.u.s.:

1)<Nel 2014…Quando siamo andati al comune di Nicotera non avevano ancora ben chiara l’idea e la visione che la dieta mediterranea fosse diventata patrimonio mondiale…(contestazione di Montuoro). E’ proprio così dott. Montuoro al comune di Nicotera non avevano ancora le idee chiare su questo…>

2)<Se la storia di Nicotera non è entrata nel dossier di candidatura Unesco, come in realtà non c’è, questo purtroppo è da addebitarsi ad una assenza politica, perché quando il comitato interministeriale venne incaricato di redigere i lavori affinché si arrivasse al riconoscimento ufficiale del 16 novembre nel 2010 la Calabria non aveva rappresentanza politica e dunque si pensò di andare su Pollica. La Campania e Pollica non rubarono niente alla Calabria in verità, perché è anche vero che Keys soggiornò per tanti anni della sua vita, compì tanti studi a Pollica, quindi è importante che ci sia anche un atteggiamento di responsabilità da parte nostra>.

3)<Non esiste una dieta mediterranea che sia spagnola, che sia italiana che sia cipriota che sia greca o di qualcuno dei paesi, dei sette paesi che hanno partecipato alla elaborazione del dossier di candidatura, (ndr 2007/2010) che ha portato a questo riconoscimento. E’ un patrimonio comune, un patrimonio condiviso ma è venuto fuori dall’esigenza che vi fossero delle comunità di riferimento, delle comunità emblematiche. Conoscere il percorso che ha portato a questo riconoscimento significa conoscere adeguatamente anche questo bene…>

Pertanto la Loscrì con queste tre affermazioni ha generato le seguenti tre contestazioni da parte di Montuoro, presidente dell’Accademia della Dieta Mediterranea di Nicotera:

1) aver inveito contro il Comune di Nicotera vantandosi dell’inverosimile assurdità che <Nel 2014…al Comune di Nicotera non avevano ancora ben chiara l’idea e la visione che la dieta mediterranea fosse diventata patrimonio mondiale>.

2) aver sostenuto il mancato riconoscimento di Nicotera come comunità emblematica della dieta mediterranea da parte dell’Unesco, incolpando i politici e non la commissione Unesco. Per giunta, giustificando lo scippo fatto da Pollica affermando un falso storico, cioè che Ancel Keys <compì tanti studi a Pollica>.

3) Ha fatto improvvisazione e confusione tra i sette paesi del Seven Countries Study che duro circa 38 anni coinvolgendo Nicotera dal 1957 al 1995, e i quattro paesi della candidatura Unesco della dieta mediterranea del 2010 che favorì Pollica ai danni di Nicotera. Inoltre è vero, invece il contrario di quanto affermato dalla Loscrì e cioè: esistono varie diete mediterranee fatte nei singoli paesi, ma quella validata con riferimento scientifico è solo quella relativa agli studi conclusi a Nicotera tramite il Seven Countries Study.

Tutte queste improvvisazioni ed inesattezze espresse dalla presidente di un Club Unesco, non possono e non devono passare inosservate e stanca dover poi, ancora, ritornarci per precisare alla stessa, ulteriori dettagli, stante le risposte ancora più inesatte, confuse e fuorvianti che la Loscrì continua a dare sui social. Persevera nell’errore, specie quando insiste nel chiedere un fantomatico dossier, non sapendo e non capendo che nessun dossier doveva presentare “ufficialmente” il Comune di Nicotera all’Unesco, perché era già esistente agli atti nel 2007 e del 2010, il “dossier” comprendente l’intero studio scientifico, universalmente riconosciuto, del Seven Countries Study di 220 pagine, nonché, le pubblicazioni delle relazioni corpose del prof. Delorenzo e prof. Fidanza di 65 pagine inserite nella raccolta degli atti del secondo simposio del 2005 svolto a Nicotera. Atti che, in ogni caso, la Commissione Interministeriale Unesco non poteva non conoscere. Il sottoscritto consegnò personalmente al Ministero e non come presidente dell’Accademia che non era ancora stata costituita – per smentire ancora la Loscrì – i due volumi dei suddetti dossier/atti/pubblicazioni durante l’esame della candidatura Unesco, oltre ad accorate lettere in merito inviate a firma del prof. Fidanza nel novembre 2010, contenenti un comunicato e schede allegate, di cui conservo copie, nelle quali, lo scienziato, sosteneva Nicotera e non Pollica.

Infine, il fotogramma del video relativo al liutaio, che la sera del convegno la Loscrì non è riuscita a proiettare, per vederlo basta guardare al minuto 2:59-3:00 e si scoprirà  la parte dove lo stesso è colto mentre si accinge a sputare sul suo strumento musicale, seppur in parte tagliato male: la sequenza venne fatta notare all’Expò di Milano nel 2015.

Non avendo avuto possibilità di intervenire per una smentita durante il convegno, chiudendo gli interventi anche relativi alla possibilità di replica, Montuoro ha inteso riprendere su un giornale  in merito alla questione, per come meglio puntualizzato di seguito. Per chi volesse approfondire, si allegano i link dei due articoli che, in alcuni passaggi, sono stati meglio esplicitati per fare comprendere a chi di dovere il giusto senso della realtà dei fatti:

https://mediterraneinews.it/2019/10/20/vibo-marina-e-dieta-mediterranea-concluso-levento-comuni-in-movimentocon-coda-polemica/

https://mediterraneinews.it/2019/11/01/club-unesco-vibo-contro-nicotera-la-loscri-per-lesa-maesta-insulta-sui-social-e-mette-a-nudo-il-suo-patrimonio-culturale/

Comunicato Stampa: Accademia Internazionale della Dieta Mediterranea Italiana di Riferimento-Città di Nicotera

Presidente dott. Antonio Leonardo Montuoro

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Dieta Mediterranea, doppio appuntamento a Rosarno e Nicotera

“Dai beni culturali alle risorse del territorio” è il titolo del doppio appuntamento itinerante dedicato alla Dieta Mediterranea che si svolgerà domani alle ore 10 a Rosarno, presso l’auditorium dell’istituto “Piria”, e poi a Nicotera, alle 17,30, nella sala convegni del museo diocesano. Due tavole rotonde che analizzeranno la Dieta e…

Leggi tutto »

Alluvione, a Joppolo cambia la fisionomia del lungomare. Tansi: “Si decida per lo stato di emergenza”

“Alla luce di quanto successo lunedì e dopo avere valutato le varie informazioni, si sta decidendo se chiedere lo stato di emergenza a caratteri geografici regionali. Grazie ad un quadro cognitivo preciso e circoscritto ritengo che ci siano tutti i presupposti”. E’ quanto afferma Carlo Tansi, responsabile della Protezione civile,…

Leggi tutto »
Nicotera e la Dieta Mediterranea. Necessario fare chiarezza culturale verso chi mesta sui social.