MediterraneiNews.it

La settima edizione del Festival “Leggere e scrivere” si terrà al 2 al 6 Ottobre.

La data c’è; ora tutti al lavoro. Si può riassumere con questo slogan l’atmosfera che si respira tra lo staff del Festival Leggere&Scrivere.

Riconfermati gli stretti rapporti di collaborazione con gli enti del territorio protagonisti della realizzazione del Festival: principalmente Comune di Vibo Valentia e Camera di Commercio – con la quale è stato sottoscritto uno specifico accordo –, Confindustria, comuni, rete delle scuole, sponsor. Si auspica anche un allargamento e un maggiore coinvolgimento delle varie realtà del territorio per realizzare un festival sempre più importante. Confermate tutte le importanti collaborazioni artistiche e organizzative che hanno dato buona prova nelle edizioni precedenti.

La settima edizione si svolgerà a Vibo Valentia, dal 2 al 6 ottobre del 2018. «Al termine della scorsa edizione abbiamo lanciato la nostra sfida. – commenta il direttore scientifico del Sistema Bibliotecario Vibonese Gilberto Florianiente organizzatore del Festival, – Siamo proiettati verso un Festival che sappia allargare i propri orizzonti ed essere riconosciuti come un crocevia privilegiato di linguaggi e culture».

Dalle parole ai fatti: «La macchina si è messa in moto – naturalmente è ancora presto per dare anticipazioni, ma mi preme sottolineare un punto: il festival affermerà come sempre la sua vocazione a promuovere i libri e la lettura, ma continuerà ad ampliare il suo angolo visuale su grandi temi, su personaggi a livello nazionale e internazionale.» Continua il direttore: «L’obiettivo è fornire un programma quanto mai diversificato: accanto agli appuntamenti più tradizionali, vogliamo spingerci lungo nuovi percorsi per parlare a un pubblico multiforme e, soprattutto, per coinvolgere sempre di più i giovani».

Conclude: «Con le novità di quest’anno Il Festival Leggere&Scrivere vuole confermare il legame con la Calabria e la volontà di esprimere una regione non ripiegata su se stessa e condannata al ruolo di territorio marginale, ma che aspira a essere una realtà ben inserita nelle dinamiche sociali e culturali che animano l’Italia e il mondo».

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Tragedia a Piscopio. Si ribalta un trattore e muore un 63enne.

Tragedia questa mattina nella popolosa frazione, di Vibo valentia, di Piscopio dove un uomo – Umberto Fiorillo, 63 anni,  stimato commerciante – è deceduto in seguito ad un incidente. L’uomo stava svolgendo alcuni lavori agricoli in un terreno di sua proprietà, quando il trattore su cui si trovava, si è ribaltato. Sul posto,…

Leggi tutto »

Vibo: Case popolari in viale Affaccio, sopralluogo dei Giovani Democratici e del capogruppo Russo che denunciano: “Situazione precaria degli edifici”.

“A seguito di un sopralluogo effettuato presso le residenze di edilizia popolare in viale Affaccio e via Paduli, insieme al capogruppo in Consiglio comunale Giovanni Russo, come Giovani Democratici abbiamo sentito la necessità di richiamare l’attenzione sulle condizioni complessivamente precarie degli edifici, attraverso la presentazione di una petizione popolare indirizzata…

Leggi tutto »