MediterraneiNews.it

Cavallaro (CISAL), da il benvenuto al prefetto Longo.

“L’arrivo del Prefetto Guido Longo al vertice dell’Ufficio Territoriale di Governo di Vibo Valentia, così come nelle previsioni, è stato salutato con grande attenzione da istituzioni, sindacati, professioni, associazionismo e opinione pubblica e la convinzione che il massimo responsabile del governo della provincia sia in grado di scrivere una pagina importante e di grande impegno sul piano della cultura del rispetto soprattutto della legalità, è molto diffusa.

Lo afferma in una nota il Segretario generale CISAL Francesco Cavallaro per il quale “i motivi sono tanti e tutti eloquenti. Vibo Valentia è alle prese con una fase storica particolarmente complessa, in un quadro più generale di enormi cambiamenti sociali e istituzionali. In questo scenario la collaborazione tra istituzioni e sindacati  si configura come presidio di sicurezza, civiltà, tolleranza, efficienza e buonsenso, anche davanti a problematiche particolari come quelle che si trova quotidianamente ad affrontare  ormai da tempo la provincia di Vibo Valentia.

Ecco perché la Cisal continuerà a garantire la stessa massima disponibilità affinché questo metodo continui a tutelare le nostre comunità, anche e soprattutto in questo periodo di profonde modifiche  che portano con sé anche timori, paure, chiusure. Il rispetto tra istituzioni e sindacati è anche  garanzia per tutti, cittadini, forze sociali, imprese. Un territorio di questo tipo chiede una grande collaborazione e rispetto che intende, con forza e determinazione, continuare a portare avanti nei prossimi anni.

L’alto profilo della esperienza acquisita dal dott. Guido Longo  è un segnale importante per Vibo Valentia che va colto considerata l’alta complessità del  territorio. Resta centrale l’obiettivo del nuovo Prefetto secondo cui la  mafia si combatte con le confische e i sequestri di patrimonio, ma soprattutto con la lotta alla corruzione, che è l’alimento numero uno. Va, altresì, condivisa l’idea secondo cui i fenomeni corruttivi vanno gestiti a livello nazionale con un’autorità anti corruzione. Dietro i grandi fatti criminali c’è la corruzione, che va assolutamente emarginata.

Non lo si dimentichi: questa città ha dovuto fare i conti con problemi consueti ma anche con  alcune situazioni particolarmente delicate. Una per tutte l’emergenza migranti. Il porto di Vibo Valentia  in questi anni è diventato uno dei luoghi in cui dalle navi sono sbarcate decine di migliaia di persone: minori non accompagnati, donne e uomini, affrontando  anche altre delicate questioni, a partire dalla presenza di inquinamenti anche di tipo mafioso nell’economia del territorio. La Prefettura di Vibo Valentia  – conclude il sindacalista – è stata in prima linea, naturalmente con la piena collaborazione della Magistratura e delle Forze di Polizia, nel fare rispettare i principi di legalità senza i quali la comunità non può affrontare un normale sviluppo”.

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Detenzione di armi, arrestato un 57enne.

Si chiama Giorgio Cambria, il 57enne originario di Crotone e residente a Vibo, arrestato dagli uomini della Squadra mobile di Vibo per detenzione abusiva di arma clandestina, delle relative munizioni, nonché per il reato di ricettazione delle stesse Durante un accurato controllo effettuato infatti nei confronti di alcuni sogetti sospettati di detenere…

Leggi tutto »

San Calogero, furto nella notte. I carabinieri ritrovano parte della refurtiva

Nella giornata di oggi, a San Calogero, un pensionato del posto si é presentato alla locale Stazione a denunciare che ignoti, durante la notte, avevano asportato, da un proprio fabbricato, una trattrice, diversi attrezzi agricoli e svariati litri di olio d’oliva, custoditi in contenitori di alluminio. I militari, acquisita la…

Leggi tutto »