MediterraneiNews.it

Oltre un milione di persone, oggi in Polonia, pregano il Santo Rosario per la conversione dell’Europa dal nichilismo islamista e dal rinnegamento della fede cristiana..

Un vero e proprio muro umano di oltre un milione di persone previste, si schiera lungo i confini della  Polonia, terra nativa di papa Woitila, oggi 7 ottobre, festa della Madonna del Rosario e ricorrenza della vittoria a Lepanto contro i turchi, nel 1571.

L’iniziativa, intitolata “Rosario alle frontiere”, ha l’intento di “formare un muro di protezione intorno ai confini del Paese per chiedere alla Madonna di salvare la Polonia e l’Europa dal nichilismo islamista e dal rinnegamento della fede cristiana”. Fa riflettere il fatto che solo pochi giornali e tra questi mediterraneinews,  ne stiano dando notizia, nel silenzio assordante anche di organi di stampa vaticana, nonostante l’ingente mobilitazione di preghiera è ufficialmente patrocinata dalla Conferenza episcopale polacca, che ha messo a disposizione tutte le chiese lungo il confine della Polonia per consentire ai fedeli cattolici, di partecipare all’Eucarestia e all’Adorazione del Santissimo Sacramento. La recita del Rosario avrà inizio alle 14 con il desiderio di pregare per la conversione della Polonia dell’Europa e di tutto il mondo a Cristo, affinché più anime siano salvate dalla dannazione eterna e trovino il loro cammino verso Dio.

“Il Rosario è l’arma più potente contro il male, in grado di cambiare la storia”  affermano gli organizzatori, e che “abbiamo scelto il 7 ottobre 2017 perché è la festa della Madonna del Rosario, istituita dopo la vittoria di Lepanto; è il primo sabato del mese (la Madonna, a Fatima, ha detto di pregare il primo sabato del mese per la salvezza del mondo); è il 140° anniversario delle apparizioni di Gietrzwald (le uniche apparizioni mariane polacche riconosciute dalla Chiesa).

Siamo nel centenario delle apparizioni di Fatima (particolarmente legate alla recita del Rosario); è la vigilia del centenario della ricomparsa della Polonia sulle carte dell’Europa (ricomparsa dovuta a Maria Madre della Polonia)”. Qualcuno, a buon ragione o a torto, teme questo raduno di preghiera, perchè, pare, che ci sia più convinzione tra i non credenti del pericolo e dell’efficacia della preghiera, che tra alcuni credenti stessi tra quelli che hanno perso la fede sostituendo alla centralità di Cristo, l’uomo e il suo nuovo umanesimo materialista e progressista!!!!

Un cammino che vede contrapporsi un progetto di Nuovo Ordine Mondiale Cristico profetato nelle sacre scritture, rispetto ad un Nuovo Ordine Mondiale Anticristico che sta a cuore agli antagonisti atei e simpatizzanti satanisti dell’ultima ora.

Una fine dei tempi, che vede contrapporsi il disegno biblico della Chiesa Romana Una, Santa, Cattolica e Apostolica in Cristo , contro il progetto di una Chiesa Ecumenica e Universale che mira all’Unità nella Diversità non intorno alla figura divina di Cristo, bensì intorno all’Uomo del Nuovo Umanesimo Panteista.

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Un bilancio del pontificato di Papa Francesco secondo la voce del Priore di Bose, Enzo Bianchi

La Comunità monastica di Bose è una comunità religiosa formata da monaci di entrambi i sessi, provenienti da Chiese cristiane diverse. Sin dalla fondazione, la Comunità di Bose promuove un intenso dialogo ecumenico fra le differenti Chiese e denominazioni cristiane. Il fondatore e priore della comunità è Enzo Bianchi. La comunità…

Leggi tutto »

Gemellaggio religioso tra Nicotera e Pizzo calabro.

Gemellaggio religioso quello avvenuto in queste settimane tra Nicotera e Pizzo calabro, città accomunate da tante cose non ultima la comune tradizione religiosa paolana. A venire per primi in città, su invito del parroco Don Francesco Vardè sono stati i Padri Minimi del convento napitino. Poi è stata una cospicua…

Leggi tutto »