MediterraneiNews.it

Elezioni in Islanda, ora è rebus per il nuovo governo.

Le elezioni che si sono tenute ieri nel piccolo paese nordico, hanno dato vita ad un panorama politico molto frammentato. Sono infatti ben otto, le formazioni che sono entrate nel piccolo parlamento islandese.

Al primo posto, il partito che da sempre è il pilastro del sistema politico locale, il Partito dell’Indipendenza che ha ottenuto il 25.2% dei voti e 16 seggi e si è confermato, pur in leggero calo, il più forte partito dell’isola.

A seguire, i due partiti di sinistra: i Verdi (16.9% e 11 seggi) e l’Alleanza socialdemocratica (12.1% e 7 seggi), entrambi in aumento.

Al terzo posto, un altro movimento politico da sempre presente nel panorama politico locale: il Partito progressista che ha ottenuto il 10.7% e 8 seggi.

Al quarto posto, il nuovo movimento del Partito di Centro che ha ottenuto il 10.9% e 7 seggi. Seguono poi il “Partito dei Pirati” che si batte per la democrazia diretta (9.2% dei voti 6 seggi) e il Partito popolare anti-immigrati che fa anch’esso il suo ingresso nel parlamento con il 6.9% e 4 seggi. Infine, il partito liberale di centro sinistra Reform con il 6.7% dei voti e 4 seggi.

L’Islanda – lo ricordiamo – è andata alle urne dopo uno scioglimento anticipato del parlamento eletto appena un anno fa, a causa della rottura della coalizione guidata dal partito dell’Indipendenza, in un clima segnato da una buona crescita economica (+5% quest’anno) e da una bassissima disoccupazione: appena al 2,5%.

Gli analisti prevedono che ci vorrà qualche settimana per sapere chi riuscirà ora a formare una coalizione in grado di governare.

 

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Attentato a Barcelona…tra i morti ricordiamo gli italiani Bruno e Luca

Pino Macino, da Pupari & Pupi Non c’è logica, non c’è razionalità nel fanatismo religioso o ideologico. C’è solo la consapevolezza del dolore che potrà provocare …e della folle conclusione che più grande sarà quel dolore, maggiore sarà il merito accordato dal padrone delle loro illusioni. E la messa  in…

Leggi tutto »

San Marino svolta a sinistra.

Erano le prime elezioni con il ballottaggio quelle tenutesi nella Repubblica più piccola e tra le più antiche del mondo. Ma nessuno si aspettava dopo 27 anni di incontrastato potere democristiano un esito di questo genere. Soprattutto perché la Coalizione “San Marino prima di tutto” (Democrazia cristiana e gli alleati…

Leggi tutto »