MediterraneiNews.it

Elezioni in Islanda, ora è rebus per il nuovo governo.

Le elezioni che si sono tenute ieri nel piccolo paese nordico, hanno dato vita ad un panorama politico molto frammentato. Sono infatti ben otto, le formazioni che sono entrate nel piccolo parlamento islandese.

Al primo posto, il partito che da sempre è il pilastro del sistema politico locale, il Partito dell’Indipendenza che ha ottenuto il 25.2% dei voti e 16 seggi e si è confermato, pur in leggero calo, il più forte partito dell’isola.

A seguire, i due partiti di sinistra: i Verdi (16.9% e 11 seggi) e l’Alleanza socialdemocratica (12.1% e 7 seggi), entrambi in aumento.

Al terzo posto, un altro movimento politico da sempre presente nel panorama politico locale: il Partito progressista che ha ottenuto il 10.7% e 8 seggi.

Al quarto posto, il nuovo movimento del Partito di Centro che ha ottenuto il 10.9% e 7 seggi. Seguono poi il “Partito dei Pirati” che si batte per la democrazia diretta (9.2% dei voti 6 seggi) e il Partito popolare anti-immigrati che fa anch’esso il suo ingresso nel parlamento con il 6.9% e 4 seggi. Infine, il partito liberale di centro sinistra Reform con il 6.7% dei voti e 4 seggi.

L’Islanda – lo ricordiamo – è andata alle urne dopo uno scioglimento anticipato del parlamento eletto appena un anno fa, a causa della rottura della coalizione guidata dal partito dell’Indipendenza, in un clima segnato da una buona crescita economica (+5% quest’anno) e da una bassissima disoccupazione: appena al 2,5%.

Gli analisti prevedono che ci vorrà qualche settimana per sapere chi riuscirà ora a formare una coalizione in grado di governare.

 

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

L’Unione Europea ha rafforzato la politica di sicurezza e difesa comune.

Si muove finalmente qualcosa sul fronte della difesa comune europea dopo la sottoscrizione nei giorni scorsi del  progetto di cooperazione, noto come PESCO, previsto dal Trattato di Lisbona, ma per quasi un ventennio è rimasto una disposizione non attuata degli accordi. L’accordo in sostanza prevede numerosi impegni vincolanti tra cui…

Leggi tutto »

Medio Oriente: nuovo attacco nella notte contro installazioni militari in Siria. Uccisi anche soldati iraniani.

Piovono bombe nuovamente sulla Siria. Nella notte di ieri infatti, alcuni missili, hanno colpito delle postazioni militari site nelle province di Aleppo e Hama, provocando almeno una quarantina di morti e una sessantina di feriti. Tra questi – e non è un fatto secondario – anche dei militari iraniani che,…

Leggi tutto »