MediterraneiNews.it

Start-up di giovani ricercatori calabresi vince un importante premio con la realizzazione di una crema che contiene principi attivi tratti dalla Cipolla Rossa di Tropea.

Una crema che contiene principi attivi tratti dalle Cipolle Rosse di Tropea, in grado di ridurre notevolmente il tempo di cicatrizzazione delle ulcere diabetiche senza l’ausilio di antibiotici o antinfiammatori.

E’ con questa scoperta che un team di giovani ricercatori dell’Università della Calabria e dell’Università della Magna Graecia – della startup calabrese, RY Goldzip –  si è aggiudicato il premio Clinic Center Life Sciences (miglioramento della salute delle persone) nell’ambito della XV edizione del Premio Nazionale per l’Innovazione (PNI), la più grande e capillare business plan competition italiana, tenutasi all’Università Federico II di Napoli.

La formula, messa a punto dai talentuosi ricercatori, unisce gli scarti degli Ori di Calabria, la cipolla rossa di Tropea IGP Calabria e l’olio d’oliva all’acido ialuronico: trattando lo scarto della cipolla in pratica e secondo metodiche ecocompatibili viene è stao possibile isolare una sostanza che è stata opportunamente modificata per sviluppare un ibrido molecolare che costituisce RYGoldZip, in grado di favorire una rapida cicatrizzazione delle ulcere diabetiche in tempi brevissimi (3-8 giorni), senza ausilio di antibiotici ed antiinfiammatori e problemi di allergia e prurito”.

RYGoldZip si è così aggiudicata il premio di categoria Life Sciences del valore di 25.000 euro, sponsorizzato da Clinic Center spa. Il prodotto è stato brevettato grazie al premio speciale Studio Rubino di 4.000 euro conferito in sede di Start Cup Calabria. Prossimo biettivo ora la partecipazione al cosiddetto Talent Lab per ottenere il finanziamento di 200.000 euro, ed iniziare quindi la commercializzazione della crema, alla quale si affiancheranno altri prodotti all’interno della linea ed ulteriori formulazioni od usi specifici.

I successi più importanti registrati durante lo studio clinico sono stati la facilità di uso, particolarmente nei soggetti anziani in politerapia, e l’alta aderenza al trattamento reso possibile grazie alla azione antidolorifica e antipruriginosa della crema, la sua potenza cicatrizzante, il suo basso costo realizzativo e l’assenza di effetti collaterali, rispetto alle preparazioni analoghe già presenti oggi sul mercato.

Condividi questo Articolo

Articoli correlati

Nicotera: medici e specialisti a confronto sui benefici della dieta mediterranea, presente il consigliere regionale Greco.

Come annunciato nei giorni scorsi, si è tenuto ieri, nella sala consiliare comunale, il convegno sul tema “Stile di vita sano e sviluppo sostenibile: un binomio inscindibile sulla Dieta mediterranea”. I lavori dell’importante e partecipata assise – coordinati dal giornalista Nicola Pirone – sono stati aperti dai saluti del dott….

Leggi tutto »

A Cuneo va in scena il “contagio robotico” nelle scuole.

La sala conferenze della Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo ha fatto da cornice pochi giorni orsono, alla presentazione di un interessante progetto denominato coll’assai evocativo nome di progetto “CoRo” – acronimo di COntagio RObotico il cui obiettivo è quello di creare una scuola nuova al passo con i tempi, che…

Leggi tutto »